ARRC: Posticipato il round inaugurale di Sepang

A causa dell’aumento di casi di Covid-19 nel continente asiatico, il promotore del campionato, in accordo con i team, ha deciso per il posticipo a data da destinarsi

Il recente aumento dei casi di Covid-19 nel continente asiatico, specialmente la situazione in India, ha costretto Two Wheels Motor Racing, promotore dell’Asia Road Racing Championship, a rinviare il round inaugurale della stagione 2021, originariamente previsto dal 4 al 6 giugno al Sepang International Circuit.

La scelta presa dal promotore del campionato è conforme alle richieste dei team e dei piloti partecipanti, nonostante l’inizio di stagione aveva avuto il via libera dal governo malese, ma il campionato asiatico è vicino ai team ed ai piloti, in quanto la salute e il benessere delle due realtà sono della massima importanza.

Curiosamente si parla solamente del primo round, con un punto interrogativo sulla sessione dei test pre-stagionali e sulla disputa del secondo round.
Il campionato asiatico, infatti, avrebbe dovuto trascorrere due settimane a Sepang, dove nei primi due giorni di giugno sarebbero dovuti svolgere i test, per poi correre il primo round dal 4 al 6 giugno ed il secondo round dall’11 al 13 giugno. È quindi strano come si sia parlato solamente del primo round, ma cercheremo di fare chiarezza man mano che ci arriveranno ulteriori informazioni.

Ron Hogg, Direttore di Two Wheels Motor Racing: “Vorrei iniziare esprimendo la nostra gratitudine al governo malese, in particolare ai funzionari del Ministero della gioventù e dello sport malese (KBS), del Consiglio di sicurezza nazionale e del Ministero della salute malese. Lavorando fianco a fianco con questi funzionari, l’apertura della stagione aveva effettivamente avuto il via libera per procedere. Tuttavia, in considerazione del numero crescente di casi di Covid-19 nella regione, noi promotori concordiamo con le opinioni dei nostri team e corridori partecipanti, in quanto sarebbe più prudente posticipare invece di portare a termine il primo round. La salute e il benessere dei nostri team e dei partecipanti saranno sempre la nostra massima priorità. Allo stesso tempo, anche i viaggi internazionali all’interno della regione asiatica stanno diventando sempre più difficili. L’inasprimento dei confini nazionali in risposta all’aumento dei casi ha limitato i viaggi aerei da e verso alcuni paesi, rendendo difficile per le squadre pianificare il proprio programma di viaggio. Vorremmo scusarci con i fan degli sport motoristici asiatici che hanno atteso con impazienza l’inizio della stagione. A nome del FIM Asia Road Racing Championship, vorrei assicurare a tutti che la stagione 2021 è stata semplicemente posticipata e che sicuramente decollerà entro la seconda metà dell’anno. Nel frattempo, speriamo che tutti continuino a stare al sicuro. Facciamo la nostra parte per tenere sotto controllo la pandemia di Covid-19 in modo che lo sport possa tornare in azione il prima possibile.

Stephan Carapiet, Presidente di FIM Asia: “La FIM Asia sostiene la decisione del FIM Asia Road Racing Championship di posticipare l’inizio della stagione 2021. Sebbene sia certamente deludente, è sempre preferibile sbagliare sul lato della cautela. Attendo con impazienza il rilascio di un nuovo calendario 2021 presto.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente CIV SBK: Comincia dai Trofei Malossi la ripresa di Delbianco, pronto a tornare in pista in questo weekend Successivo CEV Moto2: Una brutta partenza rovina la gara di Alessandro Zetti, che comunque raccoglie a Valencia i primi punti stagionali

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.