Asia Talent Cup: Hakim Danish domina la prima gara di Mandalika

credits: Facebook Asia Talent Cup

Il pilota malese sfrutta la bagarre dietro di lui per imprimere un vantaggio abissale ai danni dei propri rivali. Ezawa secondo, mantiene la leadership di campionato

Dopo 4 mesi l’Asia Talent Cup torna al Mandalika Street Circuit per il Gran Premio dell’Indonesia, secondo appuntamento stagionale della serie asiatica del progetto “Road to MotoGP” con una Gara 1 veramente spettacolare e con molti colpi di scena. Il campionato che ha inaugurato il tracciato indonesiano ha nuovamente impressionato con una corsa dominata da Hakim Danish, che ha conquistato la prima vittoria nella serie asiatica.

Il pilota malese ha sfruttato la bagarre dietro di lui sin dal primo giro, accumulando subito un grandissimo vantaggio che gli ha permesso di tagliare il traguardo con oltre 15 secondi sugli inseguitori, siglando anche il nuovo record del tracciato in 1:44.553.

La lotta per il podio è stata combattuta inizialmente fra 4 piloti, ovvero Amon Odaki, Carter Thompson, Shinya Ezawa e Reykat Fadillah, con il primo di questi che è riuscito ad assicurarsi un piccolo margine di vantaggio sugli altri 3 per guidare in solitaria verso la seconda posizione, prima di un incredibile colpo di scena che l’ha visto cadere poco dopo la metà della gara.

A contendersi il podio, quindi, sono rimasti Ezawa, Fadillah e Thompson, che si sono dati battaglia per tutto l’arco della contesa a suon di sorpassi e controsorpassi, fino ad un altro colpo di scena, che ha visto l’australiano carambolare in un violento highside nel corso dell’ultimo giro, mentre cercava di tenere il passo degli altri due.

Sul podio sono così finiti rispettivamente Ezawa e Fadillah, con il giapponese che, dopo la vittoria nella gara di apertura in Qatar ed il 3° posto in Gara 2, mantiene il vantaggio nella classifica generale con 8 punti su Danish, mentre Odaki viene scavalcato da Hamad Al-Sahouti, bravo a vincere la lotta per il 4° posto, chiudendo davanti a Rei Wakamatsu e Thanat Laoongplio, con Marianos Nikolis, Aan Riswanto, Farish Hafiy ed Emil Izdhar a completare la top 10. Gara da dimenticare per Gun Mie, caduto nel corso del primo giro e scivolato in classifica generale al 5° posto, con già 22 punti di svantaggio dalla vetta.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente F3: Hadjar trionfa in Bahrain nella prima stagionale Successivo F1: Leclerc apre la nuova era con la pole in Bahrain

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.