CIV SSP: Roccoli vince la prima gara del weekend di Misano

credits. Moto Sprint

Prima vittoria stagionale per il pilota di Rimini

Una gara molto tirata con ben sei piloti in lotta per la vittoria dall’inizio alla fine. La prima gara del CIV Supersport a Misano ha regalato tante emozioni ed ha visto sul gradino più alto del podio il terzo pilota differente in altrettante gare, segno dell’enorme equilibrio della categoria.

A spuntarla fra tutti è stato Massimo Roccoli, che ha trionfato davanti ad Andy Verdoïa e Marco Bussolotti, con Stefano Valtulini, Roberto Mercandelli ed Edoardo Sintoni fuori dal podio. Un po’ più staccato Filippo Fuligni, settimo, mentre a completare la top 10 troviamo Kevin Manfredi, Matteo Patacca e Luca Ottaviani.

Fuori classifica Manuel González, Niki Tuuli, Davide Pizzoli e Federico Fuligni. I quattro piloti, che la settimana prossima correranno ad Aragón il primo round della World Supersport, hanno corso con le moto in configurazione mondiale, risultando alla fine della gara trasparenti per la classifica finale.

Il vincitore in pista della gara è stato Tuuli, che dopo una partenza non perfetta si è ripreso subito la seconda posizione ed è andato all’inseguimento di González, che dalla prima fila ha azzeccato lo start ed era già scappato via in prima posizione. Dopo pochi giri il finlandese ha effettuato il sorpasso sullo spagnolo andando poi a vincere di tre secondi su González.
Federico Fuligni ha chiuso virtualmente in decima posizione, proprio dietro al fratello, mentre Pizzoli è caduto al decimo giro.

Peccato anche per le cadute forse più importanti della gara, quelle di Federico Caricasulo e Davide Stirpe. Il primo è caduto mentre occupava la seconda posizione dietro a Stirpe, caduto il giro dopo mentre era nettamente al comando, ma capace di rimontare in sella e chiudere al quattordicesimo posto.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Motomondiale: Orari TV del GP di Francia (AGGIORNATO) Successivo Northern Talent Cup: Luciano primo vincitore stagionale

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.