Cross-Country Bajas: Yazeed Al Rajhi e Michael Orr trionfano in Italia

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
Credits: Yazeed Al Rajhi Twitter

L’Italian Baja sorride alla Toyota che fa tripletta, con Yazeed Al Rajhi e Michael Orr davanti a tutti. Il titolo nella T4 è andato ai fratelli Alexandro e Pedro Re

Il penultimo round del FIA World and European Cup for Cross-Country Bajas, disputato in Italia, ha visto un netto dominio della Toyota Hilux.

Yazzed al Rajhi e Michael Orr hanno infatti vinto 2 stage su 5 nell’evento, trionfando con oltre tre minuti di vantaggio su Tiago Reis e Valter Cardoso, al loro miglior piazzamento stagionale. A completare il podio troviamo nuovamente il duo composto da Benediktas Vanagas e Filipe Palmeiro, i quali vanno a completare un podio con solo Hilux presenti nonostante il cambio di pneumatico avuto nell’ultima tappa.

Potevano ambire alla vittoria anche Yasir Seaidan e Krzysztof Hołowczyc ma dei problemi tecnici avuti nelle prime giornate non hanno consentito nessun concreto tentativo.

Buona la prestazione anche di Erik Van Loon e Sébastien Delaunay, bravi nel rimontare nelle ultime fasi, approfittando anche del rollio avuto dagli sfortunati Xavier Pons e Armand Monleon, scesi al 10° posto finale. In 5° posto troviamo finalmente la prima vettura non più targata Toyota, ovvero la Ford F150 di Miroslav Zapletal e Marek Sykora, seguiti a loro volta dai vincitori della classe T4.

Stiamo parlando di  Saleh Abdullah Al Saif e Kirill Shubin, a lungo in lotta con il BRP Can Am Maverick per il 6° posto. A nulla hanno potuto i fratelli Alexandre e Pedro Re, battuti per appena 6 secondi ma comunque felici, vista la vittoria del titolo piloti proprio nella T4.

Infine dobbiamo applaudire ad Amerigo Ventura e Mirko Brun, miglior equipaggio italiano e sul podio della T4 grazie all’8° posto assoluto, davanti a Santiago Navarro e Marc Sola, vincitori invece nella T3.

Precedente Formula Regional: Colapinto bissa il successo in Gara 2 al Red Bull Ring Successivo F1: Red Bull potrebbe sostituire a Sochi la power unit di Max Verstappen

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.