DTM: Lucas Auer trionfa a Portimão nella prima stagionale

credits: Twitter Mercedes AMG Motorsport

Il pilota della Mercedes sfrutta il problema in ripartenza di Bortolotti per vincere la prima gara della stagione all’Autódromo do Algarve

La ripartenza in stile Indianapolis è stata fatale a Mirko Bortolotti, che a venti minuti dal termine di Gara 1 ha perso la chance di conquistare il primo successo nel DTM. All’Autódromo Internacional do Algarve il pilota trentino aveva fatto tutto alla perfezione fino a quel momento, guidando il gruppo con autorità e mantenendo la testa della corsa anche una volta concluso il valzer dei pit-stop. Passata la metà gara un problema tecnico ha però fermato proprio il compagno di squadra di Bortolotti, Rolf Ineichen, che fermandosi lungo il tracciato ha costretto la Direzione Gara a far entrare in azione la Safety Car.

Il regolamento del DTM prevede che, una volta rientrata la vettura di sicurezza, le auto ripartano appaiate, come avviene nelle corse in ovale. Ed è proprio in questo frangente che è arrivato l’episodio che ha deciso la corsa, nel quale Bortolotti ha avuto un problema in accelerazione, con la sua Lamborghini Huracán GT3 Evo che non ha risposto ai comandi del pilota italiano. Son bastati pochi istanti per perdere spunto e precipitare in quinta piazza. Bortolotti ha poi scavalcato Ricardo Feller, mettendosi all’inseguimento di Maro Engel. Il pilota tedesco ha venduto cara la pelle, ma il portacolori Lamborghini è riuscito nell’impresa all’ultimo giro, conquistando un meritato podio, il secondo in tre gare disputate nella serie tedesca.

Il problema tecnico di Bortolotti ha inevitabilmente favorito i piloti che occupavano le posizioni pari, con Lucas Auer, Luca Stolz ed Engel, che dalla seconda, quarta e sesta posizione sono balzati in prima, seconda e terza. Al contrario, Mikaël Grenier è rimasto bloccato dalla Huracán di Bortolotti, mentre René Rast, che ha accelerato al momento giusto, ha tamponato Felipe Fraga, che lo precedeva. Entrambi hanno riportato danni ingenti, che li hanno costretti al ritiro.

Auer si è così involato verso l’ottavo successo in carriera nel DTM, seguito da Stolz che ha completato la doppietta Mercedes. Il pilota tedesco scattava dall’8ª piazza, ma grazie ad un’ottima strategia si è portato in quarta posizione. Bella rimonta anche da parte di Kelvin van der Linde e Dennis Olsen, che hanno recuperato rispettivamente dalla 17ª e dalla 19ª casella della griglia fino alla quarta e quinta piazza finale, precedendo Feller e Sheldon van der Linde.

Gran recupero dal fondo anche per Laurens Vanthoor, da 26° ad 8°, così come per Philipp Eng. Engel è stato penalizzato di 5 secondi per un’infrazione al pit-stop, mentre Grenier, gran secondo in qualifica e terzo nella prima metà della corsa, ha perso terreno nel finale, precipitando in 15ª posizione davanti a Sébastien Loeb, autore di una prova regolare. Tanti contatti nelle prime turbolente fasi di gara, in cui Clemens Schmid ha tamponato Esteban Muth. Marius Zug ha invece spedito in testacoda Dev Gore, costretto al ritiro nel corso del primo passaggio così come Nico Müller, per la disfatta del team Rosberg.

credits: DTM
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente MotoGP: Pole record di Bagnaia ad Jerez Successivo Moto2: Pole position di Ogura ad Jerez

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.