Edoardo De Antoni e Fausto Castagnoli su duplice fronte

Collecchio Corse al via del secondo atto del CIR Junior con il pilota di Camposampiero mentre il compagno di colori parmense toglierà la ruggine, nel pavese, verso il Taro

Foto: Mario Leonelli

Felino (PR), 11 Maggio 2022 – Saranno due gli scenari che vedranno impegnata Collecchio Corse il prossimo fine settimana, un duplice impegno alimentato da diverse motivazioni.

Reduce da un più che positivo debutto in quel di Sanremo, quarto assoluto tra gli iscritti al Campionato Italiano Rally Junior, Edoardo De Antoni è pronto ad affrontare una nuova sfida.

In arrivo il Rally Adriatico, seconda tappa del Campionato Italiano Rally Terra ma soprattutto round numero due di un Campionato Italiano Rally Junior che vede il giovane portacolori della scuderia di Felino già i protagonisti di rilievo, quarto dopo la tappa inaugurale del Sanremo.

Il pilota di Camposampiero, archiviato la scorsa settimana il Valpolicella con una bella vittoria, tornerà alla guida della Renault Clio Rally 5, affiancato da Martina Musiari e pronto a rompere il ghiaccio con un fondo a lui del tutto sconosciuto, lo sterrato, tra Sabato e Domenica prossimi.

In questi giorni” – racconta De Antoni – “affronteremo i test ufficiali di ACI Sport per prendere confidenza con la terra. Non ho la più pallida idea di come mi potrei trovare su questo fondo ma devo ammettere che ne sono entusiasta. È bellissimo. Mi sarebbe sempre piaciuto correrci ma non ne avevamo mai avuto l’occasione. Sicuramente pagheremo lo scotto nei confronti dei nostri avversari perchè loro hanno già corso su terra. Cercheremo di imparare, il prima possibile. Il fatto che il percorso sia stato rivoluzionato, rispetto alla scorsa edizione, ridurrà un pochettino il gap ma, per noi, sconosciuto lo era come lo è anche ora. Dovremo solo lavorare.”

Un sottile filo ideale legherà il patavino al secondo portabandiera del sodalizio parmense, Fausto Castagnoli, al via della prima edizione del Rally Valli Oltrepò, tra Sabato e Domenica.

Il pilota di Bardi ha scelto l’evento con base a Varzi, nel pavese, per togliersi la classica ruggine invernale e preparare al meglio l’appuntamento per lui più sentito, il casalingo Rally del Taro.

L’obiettivo è ben focalizzato nel mirino ed è quello di tornare sul gradino più alto del podio sulle strade amiche, ripartendo dal successo targato 2019 ed accantonando il comunque buon secondo assoluto della passata edizione, quindi quale migliore occasione per testare la nuova compagna di avventura, la Skoda Fabia Rally 2 Evo di Pool Racing, se non in una trasferta.

Ad affiancarlo, sul sedile di destra, non poteva mancare l’inseparabile Enrico Bracchi.

Abbiamo vinto il Taro nazionale nel 2019” – racconta Castagnoli – “e, dopo il secondo assoluto dello scorso anno, ci piacerebbe tornare sul gradino più alto del podio. Dovevamo essere al via con una Volkswagen Polo R5 ma, causa concomitanze, abbiamo optato per una Skoda Fabia Rally 2 Evo. Volendo puntare in alto, nella gara di casa, abbiamo deciso di organizzare una trasferta, prima del Taro, per prendere confidenza e togliere un po’ di ruggine. Il risultato finale, di questo weekend, non conterà assolutamente, non è quello il nostro obiettivo del momento. Sarà importante terminare tutte le prove speciali in programma e fare quanti più chilometri possibili, sfrutteremo lo shakedown anche in questa ottica, sulla nuova vettura. Speriamo che il meteo sia clemente e che ci dia l’opportunità di lavorare sulla vettura in vista del nostro Taro.”

Foto: Mario Leonelli

Comunicato Stampa

Precedente MotoGP, Mir: "Non avrei problemi a condividere il box con Marc" Successivo BB Competition tra “Valdinievole” e Rally Piancavallo: una settimana di soddisfazioni per la scuderia spezzina

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.