ELMS: G-Drive Racing #26 vince al Paul Ricard

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
Credits: ELMS Facebook

La G-Drive Racing ha trionfato ieri nella gara dell’European Le Mans Series al Paul Ricard.
Il round di 4 ore ha visto così terminare il dominio della WRT, nonostante l’ottima partenza di Yifei Ye, ma tra neutralizzazioni e penalità la squadra, guidata anche da Robert Kubica e Louis Deletraz, è scesa fino al 5° posto.
La lotta per la vittoria ha visto dunque la G-Drive #26 (Nyck de Vries, Franco Colapinto e Roman Rusinov) contro la United Autosports #22 (Jonathan Aberdein, Tom Gamble e Philip Hanson) e la vettura gemella #32 (Nico Jamin, Manuel Maldonado e Job van Uitert al primo podio stagionale), i quali hanno completato il podio esattamente in questo ordine, visto anche lo sprint finale velocissimo proprio di de Vries. La Aurus 01 riesce così a mettersi davanti tutte le altre vetture di oltre 6 secondi.
Ottima 4° posizione per la Dusqueine Team, capace di mettersi dietro proprio la WRT grazie alla grande performance di Renè Binder, Tristan Gommendy e Memo Rojas.
Passando alla LMP3 la gara è stata profondamente influenzata dalle diverse strategie dei team, ma anche qui un dominio è finito. La Cool Racing è infatti giunta 2° (Nicolas Maulini, Niklas Krutten e Matthew Bell), distanziata e di parecchio dal ritmo infernale imposto dalla DKR Engineering (Laurents Horr e Jean-Philipe Dayrault), con la prima vittoria di una Duqueine davanti alle Ligier. Completa inoltre il podio la United Autosports con alla guida Wayne Boyd, Rob Wheldon e Edouard Cauhaupe.
Passando infine alla GTE, la Iron Lynx Ferrari ha ottenuto la seconda vittoria stagionale con Matteo Cressoni, Rino Mastronardi e Miguel Molina davanti a tutti. L’equipaggio ha potuto approfittare della Safety Car per mettersi davanti a tutti e dare vinta all’ennesimo podio tutto Ferrari, visto che in 2° posizione troviamo la Spirit of Race (Duncan Cameron, Matt Griffin e David Perel) e in 3° l’AF Corse (Emmanuel Collard, Alessio Rovera e Francois Perrodo).


Precedente MXGP: Evans assente in Russia Successivo F2: Infortunio per Pourchaire dopo il GP d'Azerbaijan

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.