ERC: Victor Cartier presente con la sua Toyota Yaris Rally2-Kit

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

Victor Cartier affronterá una nuova avventura quest’anno. Il pilota francese, infatti, disputerá il FIA European Rally Championship con la sua Toyota Yaris Rally2-Kit. L’obbiettivo di Cartier sará quello di imporsi nel FIA ERC2.

Victor Cartier: ‘‘Abbiamo due campionati davvero belli in Francia, sia su asfalto che su terra, con un alto livello di competizione”, ha detto il francese. “Ma ho scelto l’ERC perché ci sono diverse auto Rally2-Kit in gara ed è il modo migliore per confrontarsi in una stessa categoria. È anche un ottimo modo per progredire e per scoprire qualcosa di diverso, sia rally che paesi. È una sfida enorme per noi. Il nostro obiettivo principale in questa stagione è quello di portare a casa il titolo ERC2. È molto ambizioso, ma bisogna porsi obiettivi alti per progredire. Ci stiamo concentrando sull’ERC2 per quest’anno e saliremo di categoria la prossima stagione. Il mio sogno è quello di diventare un pilota professionista del campionato del mondo di rally e farò tutto il necessario per riuscirci. Quando non guido, lavoro sulla mia auto, faccio dei miglioramenti e mi preparo per tutti gli eventi ERC. Faccio anche molto sport per sviluppare la mia condizione fisica. Analizzo i video onboard e quelli dei rally ERC per crescere e imparare il fondo di ogni evento. L’ERC prende il 100% del mio tempo. Finora, abbiamo effettuato diversi giorni di test con MICHELIN e DONERRE Suspension, o di nostra iniziativa per migliorare la macchina e la mia guida.”

Cartier ha poi parlato anche della sua Toyota Yaris Rally2-Kit: “La mia prima auto da rally era una Toyota Yaris di prima generazione. Non potevo permettermi di affittare o comprare una Rally2. La via più facile per me era la Rally2-Kit. Avevo appena terminato i miei studi di ingegneria in progettazione meccanica, quindi l’idea era di progettare e costruire la mia auto, un’auto unica e originale. La scelta della Toyota Yaris è stata naturale per me. La guidabilità dell’auto è molto piacevole; è buona per imparare a guidare una trazione integrale. DONERRE Suspension ha ottenuto ottimi ammortizzatori. L’efficacia degli pneumatici MICHELIN permette di sfruttare il potenziale dell’auto. Anche se il costo di esercizio è inferiore a quello di una Rally2, il nostro motore è un punto debole a causa della differenza di potenza tra una Rally2 e una Rally2-Kit. Speriamo che i nostri ammortizzatori DONERRE Suspension facciano la differenza”.

Precedente WSBK, Carlos Checa: "Il titolo mi ha cambiato la vita" Successivo MotoGP, Aleix Espargaró: "Sembra che non avremo un team junior nel 2022"

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.