EWC: De Puniet nuovo innesto per Moto Ain

credits: Twitter FIM

Acquisto dell’ultima ora per il team francese, che completa la propria formazione in vista della 24 Heures Motos

Con i test ufficiali pre-stagionali in preparazione alla 24 Heures Motos appena conclusi, il team Moto Ain, ha ufficializzato nella giornata di oggi l’ingaggio di Randy De Puniet nella propria lineup, che fino ad ora vedeva in squadra solamente il nostro Roberto Rolfo e Robin Mulhauser.

De Puniet, vecchia conoscenza del Motomondiale, è ormai da qualche anno un poliedrico pilota d’Endurance, alle prese con l’EWC da parecchi anni ed alla guida di quasi tutti i marchi presenti in griglia.
Il pilota francese, infatti, nell’arco della sua carriera nel Mondiale Endurance ha corso con Suzuki, Kawasaki, Honda e Ducati. Nel 2014 arrivò secondo alla 8 Ore di Suzuka con il team Yoshimura Suzuki, mentre nel 2016 ha conquistato il secondo posto al Bol d’Or con Kawasaki SRC.

Nuovamente sul podio a Suzuka 2017 con il terzo posto di F.C.C. TSR Honda, De Puniet ha infine corso prima con Honda Endurance Racing e poi con ERC Endurance. Con quest’ultimo team, il pilota francese ha portato al debutto la Ducati Panigale V4 R alla 8 Ore di Sepang 2019, conclusa con il decimo posto finale, e nella successiva 24 Ore di Le Mans 2020, chiusa con un ritiro.

De Puniet guiderà, quindi, una Yamaha per la prima volta nella sua carriera, portando la sua esperienza nella squadra di Pierre Chapuis, che si appresta ad affrontare la sua prima stagione del Mondiale Endurance nella top class, la Formula EWC, dopo aver vinto le ultime due edizioni del FIM EWC nella categoria Superstock. Il pilota francese ha già avuto i primi contatti sia con il team che con la nuova moto in occasione di svariati test pre-stagionali già svolti in preparazione della stagione 2021.

Pierre Chapuis, Team Manager: “L’arrivo di Randy è un’opportunità. Ci consentirà di progredire più velocemente. Ma ci mette anche pressione perché è un pilota molto veloce. Stiamo entrando in una nuova categoria e potremmo commettere alcuni errori. Randy ci ha davvero aiutato a passare dalla Superstock all’EWC e a preparare una buona moto senza spendere troppo. Penso che Randy apprezzi il nostro approccio serio ma anche l’atmosfera amichevole tra la squadra.

Randy De Puniet: “Conosco Pierre da 20 anni. Prima mi ha chiesto consigli su come passare all’EWC, cosa fare con la moto, le sospensioni, i freni … Poi mi ha chiesto di guidare per loro. Abbiamo fatto dei test quest’inverno ed è andato tutto bene. Poi il team ha cambiato marca di pneumatici e abbiamo fatto altri test abbastanza conclusivi a Le Mans all’inizio di marzo. Quindi ho detto OK per la stagione. Ci sto anche perché sono seri e hanno un buon equipaggio tecnico. L’unica cosa che li trattiene è la mancanza di mezzi. Ma è una sfida che mi interessa e ho ancora voglia di correre. La Yamaha è una buona moto, preparata come dovrebbe essere, abbiamo buone gomme e c’è un’atmosfera di squadra positiva. Ora non ci resta che provarci. Non sarà facile battere i team ufficiali, ma se lo facciamo bene possiamo ottenere un podio.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Avventura europea per Umberto Scandola Successivo CIR: TM Competition schiererà al Rally di Sanremo Quentin Gilbert e Maxime Potty

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.