Suzuka 8 Hours: La Kawasaki punta al bis con Rea, Lowes ed Haslam

credits: Kawasaki

La Verdona di Akashi vuole replicare il successo del 2019 schierando una formazione di tutto rispetto per tentare l’assalto all’edizione 2022

Rimarrà nella memoria di tutti il controverso finale dell’edizione 2019 della 8 Ore di Suzuka, quando Jonathan Rea cadde a poco più di un minuto dal termine della gara con la sua Kawasaki #10 a causa dell’olio in pista lasciato dalla Suzuki SERT per la rottura del motore. Un fatto che inizialmente diede la vittoria al team Factory Yamaha, ma che poi venne assegnato alla Kawasaki previo ricorso.

La Verdona di Akaschi schierava all’epoca Johnny Rea in squadra con Leon Haslam e Toprak Razgatlıoğlu (il quale non venne mai impiegato in gara, episodio che sancì la fine della collaborazione tra il turco ed il marchio giapponese), una formazione ben oliata soprattutto per i due britannici, compagni di squadra nella World Superbike ed esperti conoscitori della Ninja ZX-10RR.

Con il passare degli anni e l’annullamento di ben due edizioni della “gara delle gare”, le cose sono cambiate, Toprak non fa più parte della Kawasaki, ma è passato alla rivale Yamaha, ma Rea continua ad essere la bandiera della Verdona. Haslam si è rivestito di verde dopo due anni con Honda, tornando a vestire quei colori che l’hanno accompagnato per 4 stagioni prima del ritorno in patria nel 2022, come pilota del team Lee Hardy Racing nel British Superbike.

I due piloti britannici vantano 5 affermazioni totali a Suzuka, Rea nel 2012 con F.C.C. TSR Honda e nel 2019 con Kawasaki, Haslam nel 2013 e 2014 con MuSASHi HARC-PRO Honda e l’anno scorso con Kawasaki, e per l’edizione 2022 saranno affiancati da un alto grandissimo pilota di esperienza, anch’esso britannico, anch’esso sul gradino più alto del podio per ben tre volte.

Alex Lowes, infatti, si impose per ben 3 volte consecutive (2916, 2017, 2018) a bordo della Yamaha YZF-R1, quando era pilota di Iwata nel Mondiale Superbike. L’inglese avrebbe già dovuto correre nelle due edizioni precedentemente cancellate, ma è comunque già a pronto al debutto con Kawasaki nell’edizione 2022.

La casa di Akashi schiererà la nuova ZX10-RR, gestita da Provec Racing, la squadra ufficiale nel Mondiale Superbike, nella prima edizione della classica giapponese che si svolge dal 2019, e punterà a bissare il successo dell’ultima edizione per riconfermarsi ancora come migliore di tutti.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente TCR Italy: Mauro Guastamacchia wild card a Misano con l'Aggressive Team Italia Successivo Kimi Räikkönen tornerà a correre

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.