EWC: Trionfo BMW in volata a Most. Yoshimura SERT è Campione del Mondo

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
credits: Facebook BMW Motorrad EWC

Finale in volata tra BMW e Yamaha YART, separati da 70 millesimi. Yoshimura SERT conquista il 17° titolo nel Mondiale Endurance

La prima edizione della 6 Ore di Most, atto finale della stagione 2021 del FIM EWC, non sarà dimenticata in fretta. Negli ultimi minuti di gara si è combattuto un duello pazzesco tra il BMW Motorrad World Endurance Team (Ilya Mikhalchik, Markus Reiterberger e Kenny Foray, schierato come riserva) ed il team Yamaha YART (Marvin Fritz, Karel Hanika e Niccolò Canepa). Reiterberger e Fritz hanno offerto agli spettatori una spettacolare lotta per la vittoria. Solo 70 millesimi hanno separato le due moto al traguardo.

Nell’ultima mezz’ora, Fritz ha siglato per ben quattro volte il giro più veloce in gara, stabilendo il record del circuito in 1:33.875 al penultimo giro. Nonostante tutto la BMW ha centrato la prima vittoria nel Mondiale Endurance, che gli è anche valso il secondo posto nella classifica generale.

Il duello ha quasi eclissato la lotta per il terzo posto sul podio tra Yoshimura SERT Motul (Gregg Black, Xavier Simeon e Sylvain Guintoli) e Kawasaki SRC (Jérémy Guarnoni, Erwan Nigon e Carlos Checa). Il team franco-giapponese della Suzuki ha resistito fino all’ultimo agli attacchi della Kawasaki. L’obiettivo di Yoshimura SERT era vincere un 17° titolo mondiale con stile e salire anche sul podio a Most. Obiettivo raggiunto in pieno. La Kawasaki #11 è arrivata quarta dopo aver corso una gara impeccabile, concludendo la stagione sul terzo gradino del podio nella classifica assoluta.

credits: Suzuki Racing

Il Wójcik Racing Team (Gino Rea, Sheridan Morais e Dan Linfoot), che è stato sempre in testa al gruppo, è arrivato quinto. È stato il loro miglior risultato dopo una stagione difficile. Il team ERC Endurance (Etienne Masson, Lorenzo Zanetti e Mathieu Gines) ha fatto progressi ad ogni gara ed è arrivato 6° al traguardo davanti al No Limits Motor Team (Luca Scassa, Kevin Calia e Alexis Masbou), settimo al traguardo e primo sia della classe Superstock che del Dunlop Independent Trophy.

Il team ceco TME Racing (Filip Salač, Oliver König e Dominik Jůda) ha conquistato l’8° posto assoluto e 2° di classe Superstock dopo una superba gara di debutto. Il team Energie Endurance 91 (Karel Pešek, Noël Roussange e Martin Choy) è salito per la prima volta sul podio di classe Superstock grazie nono posto assoluto e terzo di classe, seppur privato di Christian Napoli ancora convalescente dopo l’incidente del Bol d’Or in cui ha riportato la frattura di due vertebre.

BMRT 3D Maxxess Nevers, i vincitori della Coppa del Mondo FIM Superstock al Bol d’Or, sono stati costretti al ritiro. Grazie alla vittoria a Most, il team No Limits ha conquistato il secondo posto nella FIM Endurance World Cup. Il team Aviobike (Geri Gesslbauer ed Hannes Schafzahl) ha chiuso al decimo posto assoluto e quarto di classe Superstock, davanti ai rivali JMA Motos (Côme Geenen, Julien Bonnet e Greg Ortiz) e Falcon Racing (Robert Hugo, Julien Millet e Loïc Millet).

credits FIM EWC
credits FIM EWC
credits FIM EWC
Precedente WTCR: Michelisz conquista a Most la vittoria in Gara 2 Successivo Nico Müller annuncia il programma LMDh con Audi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.