F1: Alonso penalizzato al termine del GP del Canada. Retrocede da 7° a 9°

Il pilota dell’Alpine ha cambiato traiettoria più volte per difendersi da Bottas tra le curve 10 e 12 nel corso del penultimo giro

Poteva andare diversamente il Gran Premio del Canada della Formula 1 per Fernando Alonso, autore di una strepitosa seconda posizione nelle qualifiche di sabato. Autore di una prima parte di gara in cui ha ricordato i vecchi tempi in Renault e Ferrari, l’asturiano dell’Alpine ha guidato per larghi tratti nelle posizioni di rilievo, difendendo magicamente la terza posizione dagli attacchi di Lewis Hamilton durante i primi 24 giri.

Tuttavia, con il passare del tempo e dopo la sosta ai box, il 2 volte Campione del Mondo ha accusato alcuni problemi tecnici, che non gli hanno consentito di tornare in top 5, guidando per il resto della gara dietro al compagno di squadra Esteban Ocon, chiudendo in fine in 7ª posizione proprio dietro al francese.

Nel corso degli ultimi passaggi, però, Alonso ha dovuto difendersi dal ritorno di Valtteri Bottas, che lo stava insidiando forte della sua velocità e dei sopracitati problemi dell’asturiano. Nel corso del penultimo giro Alonso ha opposto una strenua resistenza nella prima parte del rettilineo principale, effettuando troppi cambi di direzione tra le curve 10 e 12.

Tale manovra, detta in gergo “weaving”, ha impedito il sorpasso da parte del finlandese dell’Alfa Romeo, che ha così dovuto alzare il piede dall’acceleratore e non ha potuto portare a compimento la propria manovra. A causa di questo episodio la Direzione Gara ha deciso di penalizzare lo spagnolo di 5 secondi, facendolo così scalare dalla 7ª posizione alla 9ª, con Bottas e Guanyu Zhou che hanno così guadagnato una posizione. Il finlandese ha quindi concluso al 7° posto, mentre il cinese all’8°.

credits: FIA
credits: FIA
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente BSB: O'Halloran concede il bis a Knockhill in Gara 3 Successivo ETCR: Mattias Ekström è il King of the Weekend di Jarama

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.