F1/F2: Orari TV del GP dell’Arabia Saudita

credits: Twitter Saudi Arabian GP

F1 ed F2 si avviano alla conclusione con il penultimo round stagionale nel nuovissimo circuito di Jeddah. Si infiammerà la lotta tra Hamilton e Verstappen, che potrebbe già laurearsi campione. Grande lotta anche in F2

La Formula 1 si avvia verso la fase conclusiva della stagione 2021, con ancora aperti i giochi sia per il Campionato Piloti, che per il Campionato Costruttori. La Mercedes è sempre più motivata a concludere la prima era ibrida a bottino pieno, con già 7 titoli piloti e Costruttori conquistati in altrettante stagioni.

A dare del grandissimo filo da torcere sarà la Red Bull, che per la prima volta nell’era ibrida sembra poter realmente ambire ai due titoli iridati. Se negli anni passati la scuderia di Brackley ha quasi sempre fatto doppietta nel Campionato Piloti, con Lewis Hamilton che ha chiuso davanti al proprio compagno di squadra per ben 4 volte, e Nico Rosberg abbia trionfato proprio sull’inglese nel 2016, Sebastian Vettel è stato l’unico pilota non Mercedes a mettere i bastoni tra le ruote all’inglese.

Analogamente è successo per il Campionato Costruttori, con Ferrari e Red Bull che hanno tentato inutilmente di ambire al prestigioso alloro, dovendosi tuttavia arrendere anzitempo senza aver mai avuto delle reali possibilità di conquistate il titolo Costruttori.

In questa stagione, invece, tutto è ancora da decidere, con Hamilton che accusa 8 punti di distacco dal leader di classifica Max Verstappen e la Red Bull che è distante di soli 5 punti dalla Mercedes, che comanda la classifica Costruttori. Entrambe le scuderie punteranno su tutti i loro piloti per aggiudicarsi i due ambitissimi titoli, guardando anche alla lotta fra le seconde guide, con Valtteri Bottas che ha un margine di 13 punti su Sergio Pérez.

Con due gare ancora da disputare e 52 punti ancora da assegnare, l’olandese della Red Bull potrebbe laurearsi Campione del Mondo per la prima volta in carriera già domenica sera. A Verstappen, infatti, basterebbe vincere a Jeddah con giro veloce e sperare che Hamilton non vada oltre il sesto posto, il settimo se l’olandese non dovesse siglare il giro veloce. Se invece non dovesse vincere, ma arrivare secondo, Verstappen sarebbe campione con il giro veloce e con Hamilton minimo in decima posizione, senza il giro veloce Hamilton non dovrebbe arrivare a punti.

Riassumiamo qui una tabella esplicativa con le possibilità che Verstappen si laurei Campione del Mondo con una gara di anticipo

VerstappenHamilton
vince con giro velocesesto posto o meno
vincesettimo posto o meno
secondo con giro velocedecimo o meno
secondoundicesimo o meno

Tuttavia, tenendo presente le caratteristiche del tracciato che dovrebbe essere il più veloce della storia della F1 e dopo aver visto le potenzialità del nuovo motore termico della Mercedes, le chances di vedere Verstappen campione sono piuttosto scarse, anche se non bisogna mai dare nulla per scontato.

Il Jeddah Corniche Circuit, infatti, è un tracciato dove si dovrebbe avere una media sul giro di 250 km/h e pochi punti di sorpasso, essendo un circuito cittadino. Questo sembrerebbe essere tutto a vantaggio di Hamilton, come lo sono state anche le piste di Interlagos e Losail, che hanno visto il netto predominio della Mercedes #44.

Il circuito di Jeddah è stato costruito in tempi record ma, come accaduto per il tracciato di Mandalika, ancora non è completato. Circa due settimane fa, infatti, sono circolate sul web delle immagini che ritraggono la pista completata, ma con ancora lavori in corso su altre parti del tracciato, ma la FIA ha assicurato che verrà completato in tempo.

Comunque il Gran Premio dell’Arabia Saudita si farà, questo è certo, e finalmente potremmo ammirare le vetture più veloci del mondo sfrecciare tra i muretti di Jeddah e dare spettacolo, visto che oltre alla lotta al vertice fra Hamilton e Verstappen e fra Mercedes e Red Bull, ci sono ancora dei conti aperti per quanto riguarda le altre scuderie.

Se la Ferrari sembra essere piuttosto tranquilla per la terza posizione nel Campionato Costruttori, avendo 39,5 punti di vantaggio sulla McLaren, la lotta fra le due scuderie è ancora accesa per la classifica piloti, con Lando Norris che ha solamente un punto di vantaggio su Charles Leclerc e 7,5 punti su Carlos Sainz, tutti e tre in lotta per il quinto posto finale. Ben più distante è l’altro pilota McLaren, Daniel Ricciardo, che accusa uno svantaggio di 40,5 punti dallo spagnolo della Ferrari, e deve guardarsi dal possibile ritorno di Pierre Gasly, distante solo 13 punti dall’australiano.

Nonostante il passo falso di Losail, il francese dell’AlphaTauri ha recuperato 18 punti a Ricciardo, che ha concluso al 12° posto i Gran Premi del Messico e del Qatar e si è ritirato in Brasile, mentre Gasly ha conquistato un 4° ed un 7° posto nelle gare di Città del Messico e di Interlagos.


Dopo oltre due mesi di assenza tornerà in azione anche la Formula 2, che vede una lotta a 3 per il titolo tra Oscar Piastri, Guanyu Zhou e Robert Shwartzman, con le incognite Dan Ticktum e Théo Pourchaire che potrebbero inserirsi nella battaglia.

Il Gran Premio dell’Arabia Saudita della Formula 2 vedrà alcuni cambi di line-up per quanto riguarda le varie squadre. Dopo aver disputato i primi sei round della stagione, MP Motorsport ha congedato Richard Verschoor e Lirim Zendeli, per accogliere Clément Novalak e Jack Doohan. Il pilota francese utilizzerà questi ultimi due round stagionali in vista di un debutto a tempo pieno nel prossimo anno proprio con il team olandese.

Il team Campos affiderà la vettura #20 ad un quarto pilota, dopo averla affidata a Gianluca Petecof, Matteo Nannini e David Beckmann, che hanno preso parte a due Gran Premi ciascuno con la squadra spagnola. Al fianco di Ralph Boschung, quindi, scenderà in pista Olli Caldwell. Situazione simile per il team HWA Racelab, che dopo aver affidato la vettura #22 a Nannini nel primo round, a Jack Aitken nei round 2,3 e 4 e a Jake Hughes nei round 5 e 6, schiererà Logan Sargeant.


Essendo la città di Jeddah presente nello stesso fuso orario di Doha, come per il Gran Premio del Qatar anche le sessioni del GP dell’Arabia Saudita si svolgeranno con due ore di differenza rispetto all’Italia ed in orari serali. Le qualifiche e la gara della F1 si svolgeranno alle 18:00 ed alle 18:30, mentre le due Sprint Race della F2 apriranno e chiuderanno la giornata di sabato, con la Feature Race inserita circa tre ore prima della gara di F1.

Dirette Sky

Venerdì
Ore 11:40/12:45 – Prove Libere Formula 2
Ore 14:30/15:30 – FP1 Formula 1
Ore 16:15/17:00 – Qualifiche Formula 2
Ore 18:00/19:00 – FP2 Formula 1

Sabato
Ore 13:25/14:30 – Sprint Race 1 Formula 2
Ore 15:00/16:00 – FP3 Formula 1
Ore 18:00/19:15 – Qualifiche Formula 1

Ore 19:35/20:45 – Sprint Race 2 Formula 2

Domenica
Ore 15:20/16:30 – Feature Race Formula 2
Ore 18:30/20:30 – Gara Formula 1

Differite TV8

Sabato
Ore 20:15/21:30 – Qualifiche Formula 1

Domenica
Ore 19:30/21:30 – Gara Formula 1

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente EWC: Julien Enjolras si ritira dalle corse motociclistiche: correrà la Dakar 2022 Successivo Tourist Trophy: John McGuinness con Honda UK per il 2022

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.