F1: Il motore di Leclerc inutilizzabile dopo l’incidente in Ungheria

credits: Twitter Scuderia Ferrari

Costa caro l’incidente provocato da Stroll. Oltre al ritiro, la vettura di Leclerc ha riportato seri danni al motore

Non arrivano buone notizie, da Maranello, riguardo all’incidente che all’inizio del Gran Premio di Ungheria di domenica scorsa ha visto coinvolti Lance Stroll, Charles Leclerc e Daniel Ricciardo. Durante la partenza della gara all’Hungaroring (contemporaneamente alla carambola innescata dal tamponamento di Valtteri Bottas ai danni di Lando Norris che ha innescato una serie di contatti con i piloti della Red Bull Max Verstappen e Sergio Pérez), il pilota dell’Aston Martin ha tentato un sorpasso impossibile ai danni del monegasco della Ferrari.

Tuttavia il canadese è arrivato a frenare oltre il cordolo, sull’erba, andando a colpire violentemente Leclerc, che a sua volta è carambolato addosso alla McLaren di Ricciardo, causando il ritiro di tutti e tre i piloti e creando altri problemi alla vettura #16.

A seguito dei controlli effettuati nel quartier generale della Scuderia Ferrari, infatti, è emerso che il motore montato sulla vettura di Leclerc è stato irrimediabilmente danneggiato (come riporta il comunicato stampa della Ferrari), il che potrebbe scaturire un’eventuale penalità nel corso della stagione qualora il team si trovi costretto a dover montare un altro motore sulla macchina del monegasco.

Ecco il testo del comunicato: “L’incidente di cui è stato incolpevole protagonista alla partenza del Gran Premio d’Ungheria non è costato a Charles Leclerc soltanto – e già non è poco – la concreta possibilità di cogliere un bel risultato all’Hungaroring. Infatti, dopo i controlli effettuati ieri a Maranello sulla SF21 numero 16, è emerso che il motore è stato irrimediabilmente danneggiato nell’impatto con la Aston Martin di Lance Stroll e non potrà più essere riutilizzato. Per la Scuderia Ferrari e per il pilota monegasco si tratta dunque di un ulteriore danno, non soltanto economico ma anche sportivo, visto che è assai probabile che nel prosieguo della stagione – mancano ancora 12 weekend di gara al termine del campionato – la squadra possa essere costretta a montare sulla SF21 di Charles una quarta ICE, con conseguente penalità sulla griglia di partenza.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente F4 Italia: Bearman escluso dalla classifica di Gara 3 ad Imola Successivo WSSP300: Divorzio tra Ieraci ed il team Machado

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.