F1: Orari TV del GP del Qatar

credits: Formula 1

La Formula 1 approda per la prima volta in Qatar. Saranno ancora scintille tra Hamilton e Verstappen, con l’incognita del Right of Review

Archiviata la tripletta oltreoceano, la Formula 1 si appresta ad affrontare le ultime tre gare stagionali con il trittico mediorientale. Dopo i Gran Premi del Messico e del Brasile, il Gran Premio del Qatar chiuderà l’ultima tripletta stagionale prima delle ultime due gare a Jeddah ed Abu Dhabi.

Il Losail International Circuit è un tracciato conosciuto nell’ambiente del Motorsport, specie per gli appassionati del Motomondiale e del Mondiale Superbike, che corrono stabilmente qui ogni anno (le derivate di serie sono assenti da due anni causa covid) e sappiamo bene che è una pista dove il motore conta tantissimo, unito ad un buon assetto in curva.

Ed è proprio dalla potenza del motore che la Mercedes spera di trarre grande vantaggio dopo la quinta unità termica montata sulla vettura di Lewis Hamilton, che nel weekend di Interlagos ha espresso tutto il suo potenziale permettendo all’inglese 7 volte Campione del Mondo di recuperare ben 15 posizioni nella Sprint Qualifyng del Gran Premio di San Paolo, e gli ha consentito di trionfare domenica scorsa annientando la concorrenza di Max Verstappen.

Il Gran Premio di San Paolo porterà degli strascichi in quello del Qatar, per via di una manovra troppo oltre il limite di Verstappen nel tentativo di difendersi dal sorpasso di Hamilton. Il pilota della Red Bull, nel rettilineo tra curva 3 e curva 4 nel corso del 48° giro, si è visto superare dalla Mercedes #44, andando a forzare la staccata e andando oltre i limiti della pista, coinvolgendo anche Hamilton, che a sua volta è andato lungo.

Una manovra che dai commissari di gara è stata solamente notata e che non è stata considerata da investigazione, lasciando un punto interrogativo su quello che sarebbe potuto succedere, ma comunque senza andare a falsare il risultato della gara, che Hamilton ha poi vinto con oltre 10 secondi su Verstappen.

Il martedì successivo alla gara la Mercedes si è appellata all’articolo 14.1.1 del Codice Sportivo Internazionale, il famoso “Right of Review”, per chiedere una revisione dell’episodio citato sopra. L’episodio del 48° giro non è stato investigato in quanto – come ha spiegato Michael Masi – non erano ancora a disposizione le immagini onboard dell’abitacolo della Red Bull dell’olandese, mentre il feed internazionale si era portato da pochi secondi sull’inquadratura posteriore.

Proprio nella giornata di martedì è stato pubblicato l’onboard dell’abitacolo della vettura di Verstappen, motivo che ha così spinto la Mercedes a chiedere che l’episodio venisse esaminato alla luce delle nuove prove, sperando in una possibile penalità in griglia in Qatar per l’olandese della Red Bull.

Dopo aver sentito le due parti in causa, i rappresentanti di Red Bull e Mercedes, nella giornata di ieri, ed aver preso in esame tutta la documentazione, i commissari di gara decideranno oggi se accettare la richiesta di revisione, per poi procedere ad analizzare l’episodio controverso. Con questa decisione, quindi, al momento non verrà data nessuna eventuale penalità a Verstappen, ma si investigherà l’episodio e solo dopo si vedranno gli sviluppi.

Nonostante questo le speranze di Hamilton di recuperare quei 14 punti che lo separano da Verstappen, sono tutte nel suo talento e nel nuovo motore montato sulla sua vettura, che dovrebbe esprimere ancora una volta tutto il suo potenziale sul lungo rettilineo di Losail, lungo 1068 metri.

Accesa sarà anche la lotta tra Valtteri Bottas e Sergio Pérez, con il finlandese che vuole consolidare la sua terza posizione in campionato ed aiutare la Mercedes nel Campionato Costruttori, con 11 punti che separano la scuderia di Brackley su quella di Milton Keynes.

Anche Lando Norris dovrà difendere la qua quinta posizione dall’assalto dei ferraristi Charles Leclerc e Carlos Sainz, che a loro volta vogliono portare punti importanti a Maranello per allungare nel Campionato Costruttori ai danni della Mercedes, che ultimamente sta soffrendo molto nei confronti della Rossa ed ha raccolto solamente due punti nelle ultime due gare, con due decimi posti di Norris ed un 12° posto di Daniel Ricciardo a cui è seguito un ritiro.

Le prestazioni deludenti di Yuki Tsunoda potrebbero ripetersi anche in Qatar e lasciare da solo Pierre Gasly nella lotta per la quinta posizione nel Campionato Costruttori, con l’AlphaTauri che è a pari punti con l’Alpine di Fernando Alonso ed Esteban Ocon, che sono ben distanti dal francese nel Campionato Piloti, ma tengono viva la scuderia transalpina contro quella di Faenza.


Come consuetudine del tracciato di Losail, la gara si svolgerà in notturna, con la partenza fissata per le ore 17, circa un quarto d’ora dopo il tramonto. Con due ore di fuso orario che intercorrono tra l’Italia ed il Qatar, l’intero evento si avvicinerà agli orari europei, con la gara che avrà luogo alle 15:00 ora italiana. La diretta esclusiva sarà come al solito visibile sul canale 207 di Sky, Sky Sport F1, mentre in chiaro si portranno seguire le repliche delle qualifiche e della gara alle 18:00.
L’azione in pista comincerà a breve con le FP1.

Dirette Sky

Venerdì
Ore 11:25/12:40 – FP1
Ore 14:55/16:10 – FP2

Sabato
Ore 11:55/13:05 – FP3
Ore 14:55/16:20 – Qualifiche

Domenica
Ore 15:00/17:00 – Gara

Differite TV8

Sabato
Ore 18:00/19:15 – Qualifiche

Domenica
Ore 18:00/20:00 – Gara

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente WRC: M-Sport conferma Gus Greensmith anche per il 2022 Successivo Dakar Auto: I fratelli Coronel scelgono la Century CR6

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.