F1: Ufficiale l’ingresso di Audi come motorista dal 2026

La casa dei quattro anelli fornirà la Power Unit alla Sauber, che alla fine del 2023 interromperà il rapporto con Alfa Romeo

Finalmente il tanto atteso annuncio ufficiale è arrivato: Audi entrerà in Formula 1 nel 2026 con una propria Power Unit. La casa tedesca acquisterà le quote di maggioranza della Sauber: nella Factory svizzera di Hinwil si continuerà a costruire il telaio, mentre la PU nascerà nel modernissimo Competence Center Motorsport a Neuburg an der Donau, vicino alla sede principale Audi ad Ingolstadt. Ad annunciare l’arrivo di Audi in Formula 1 sono stati Mohammed Ben Sulayem (Presidente della FIA), Stefano Domenicali (CEO della Formula 1), Markus Duesmann (Presidente del consiglio di amministrazione di Audi AG) ed Oliver Hoffmann (responsabile del dipartimento tecnico) in una conferenza stampa andata in scena questa mattina a Spa-Francorchamps sede del Gran Premio del Belgio che si disputerà in questo fine settimana.

Un impegno importante che la casa tedesca ha deciso di portare avanti e su cui punta talmente tanto da abbandonare due progetti importantissimi. Nel 2020 l’annuncio del ritiro dalla Formula E con l’obiettivo di impegnarsi fortemente sia nella Dakar che nel mondo LMDh, ma il richiamo della Formula 1 è talmente grande che la casa dei quattro anelli ha così deciso di abbandonare il progetto LMDh e portare avanti i progetti Dakar ed F1 oltre al Gran Turismo.

A partire dal 2026, dunque, la Formula 1 tornerà ad avere un motorista tedesco dopo BMW, che lasciò il Circus iridato nel 2009 e, curiosamente, forni i propri propulsori proprio alla Sauber. Il costruttore svizzero, quindi, accoglierà nuovamente un motorista tedesco e terminerà la partnership con Alfa Romeo alla fine del 2023, per poi prepararsi ad accogliere Audi.

Markus Duesmann, Presidente del CDA di Audi: “Il Motorsport è parte integrante del DNA di Audi. La Formula 1 è sia un palcoscenico globale per il nostro marchio, ma anche un laboratorio di sviluppo altamente impegnativo. La combinazione di alte prestazioni e competitività sono da sempre motore di innovazione e trasferimento tecnologico nel nostro settore. Questo è il momento giusto per metterci in gioco. Dopotutto, sia la Formula 1 che l’Audi perseguono chiari obiettivi di sostenibilità. La Formula 1 si sta trasformando e l’Audi vuole attivamente sostenere questo viaggio, creando uno stretto legame nella classe regina del Motorsport.

 Oliver Hoffmann: “La Formula 1 è il passaggio naturale. Abbiamo maturato delle esperienze nel mondo elettrico con le nostre ultime esperienze in altri progetti. Il regolamento ci consente di poter approfittare di un progetto completamente nuovo, e siamo pronti ad affrontare la sfida di una nuova powertrain, che sarà progettata e costruita in Germania.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente WRC: M-Sport vuole riportare a casa Ott Tänak Successivo Moto3: Harrison Voight wild card a Misano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.