F2: Frederik Vesti al primo successo nella Sprint Race di Baku

credits: Twitter Frederik Vesti

Il pilota danese sfrutta la ripartenza dalla Safety Car per superare il leader Daruvala e centrare il primo successo nella categoria cadetta

14 giri lineari, poi la “solita” Baku ha cominciato a regalare colpi di scena. Alla fine della Sprint Race del Gran Premio dell’Azerbaijan della Formula 2 festeggia Frederik Vesti, che dopo un inizio di stagione difficile ha ottenuto il primo successo nella categoria cadetta. Il danese della ART Grand Prix ha beffato Jehan Daruvala nella ripartenza dalla seconda fase di Safety Car al 18° giro, sfruttando una sbavatura dell’indiano. Fino a quel momento il portacolori della Prema era stato quasi perfetto, con un avvio da “falco” in cui si era lanciato subito in testa superando il polesitter Jake Hughes e lo stesso Vesti.

Il danese era riuscito al 6° giro ad infilare a sua volta Hughes, da lì andato in crollo verticale, ma Daruvala era già distante 3 secondi e mezzo. I distacchi si sono però azzerati al 14° giro, appunto, quando Dennis Hauger, l’altro pilota della Prema, è andato dritto contro le barriere mentre cercava un sorpasso quasi impossibile su Théo Pourchaire. Daruvala è stato abile a gestire la prima ripresa, ma meno in quella successiva, dopo l’ulteriore neutralizzazione causata dal lungo di Pietro Fittipaldi (che ha rovinato anche la corsa di Jüri Vips).

Un altro intervento della Safety Car, il terzo in cinque tornate, è servito al 19° giro quando Richard Verschoor è andato a muro mentre cercava di resistere a Liam Lawson per la terza posizione: per Daruvala poteva esserci la chance di replica, ma Vesti non ha avuto problemi a controllare la situazione quando la bandiera verde è stata di nuovo esposta per affrontare solo l’ultimissimo giro. Daruvala si è dovuto così accontentare della piazza d’onore, resistendo in extremis anche ad un Lawson risalito dall’ottava casella in griglia di partenza. Il neozelandese ha completato il podio, sfumato invece per la Trident: peccato per Verschoor, che aveva sorpreso Logan Sargeant nella seconda ripartenza.

Quinta posizione per Felipe Drugovich, che ha evitato guai ed allunga in cima alla classifica generale visto che l’antagonista Pourchaire è giunto settimo, recuperando comunque terreno dopo il venerdì sottotono. In mezzo a loro Sargeant, sesto, mentre a chiudere la zona punti è stato Ayumu Iwasa, rifacendosi parzialmente dall’errore compiuto in qualifica.

In mezzo al gruppone, l’ultima ripartenza ha registrato anche il violento crash in curva 1 di Calan Williams, accompagnato verso le protezioni da Ralph Boschung (che a causa dell’incidente innescato è stato penalizzato con tre posizioni in griglia da scontare domani nella Feature Race) e poi centrato dagli incolpevoli Marino Sato e Cem Bölükbaşı, che non hanno potuto evitarlo.

credits: FIA
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente WSBK: Bautista trionfa a Misano in Gara 1 Successivo F1: Leclerc si prende di forza la pole a Baku

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.