F2: Vips in pole ad Imola

credits: Formula Scout

Il pilota estone firma il miglior tempo sull’asfalto bagnato dell’autodromo Enzo e Dino Ferrari, dopo un infinito venerdì

Un venerdì incredibilmente difficile, quello delle categorie cadette a supporto della Formula 1 nel Gran Premio dell’Emilia-Romagna all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. La pioggia che ha condizionato l’intera giornata ha costretto ad una rimodulazione del programma di ieri, rimandando le prove libere e le qualifiche della Formula 2 ed anche le qualifiche della Formula 3.

Se le qualifiche della categoria minore sono state spostate solo di un’ora, quelle della categoria di mezzo sono state disputate addirittura oltre il nuovo orario prestabilito, quello delle 18:30, a causa di un nuovo scroscione di pioggia abbattutosi sulla Valle del Santerno e dei continui ritardi dovuti alle varie bandiere rosse esposte durante le qualifiche della F1, concludendosi attorno alle 19:45.

Una sessione di qualifiche, quella della F2, servita quasi all’ora di cena, con il tramonto ormai a ridosso, al termine di un venerdì davvero infinito. Jüri Vips è stato il miglior interprete di un turno che richiedeva innanzitutto di non sbagliare, su un asfalto ancora bagnato e dal grip precario, incappando lui stesso in un testacoda innocuo.

Su gomme wet l’estone si è portato al comando già dopo qualche minuto, poi il suo riferimento è rimasto imbattuto fino a poco meno di 6 minuti dal termine, superato per primo da Ralph Boschung, poi da Théo Pourchaire e Jehan Daruvala. Il pilota dell’Hitech Grand Prix ha però replicato prontamente, con il definitivo 1:40.221 che gli vale la prima partenza al palo nella categoria cadetta e due punti extra per salire a quota 30 in classifica generale.

Al suo fianco, nella Feature Race di domenica, scatterà a sorpresa il rookie Ayumu Iwasa, compagno di Vips nel programma junior di Red Bull, che in chiusura si è portato a 157 millesimi di distacco. Terza posizione per Jack Doohan, in cerca di riscatto dopo un avvio di stagione deludente, seguito da Boschung e Dennis Hauger. Ottimo sesto tempo per Roy Nissany, che ha fatto valere la sua esperienza in F2, mettendosi alle spalle Pourchaire e Daruvala, mentre Marcus Armstrong e Logan Sargeant completano la top 10 ed andranno a beneficiare della griglia invertita per la Sprint Race: fra qualche ora l’americano partirà dalla prima casella, il neozelandese dalla seconda.

Qualifica difficile per il leader di classifica Felipe Drugovich, che sarà costretto a scattare 12° in entrambe le gare. E quella di Imola, si sa, non è fra le piste più favorevoli per superare. Il brasiliano ha preceduto il compagno di squadra in MP Motorsport Clément Novalak e Liam Lawson, altro deluso. Non si sorride nemmeno in casa Trident, con Richard Verschoor e Calan Williams rispettivamente 19° e 20°. Dietro di loro solo Olli Caldwell e Marino Sato, con l’inglese del team Campos a chiamare una bandiera rossa (l’ennesima di giornata) insabbiandosi in uscita dalla Variante del Tamburello dopo circa nove minuti dallo start.

Promosso, invece, il rientrante David Beckmann: chiamato a sostituire l’infortunato Cem Bölükbaşı dal team Charouz, con cui aveva già corso nel 2021, il tedesco si è piazzato 11° e per poco ha mancato la top 10 che gli avrebbe consentito di sfruttare l’inversione di griglia.

credits: FIA
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente WRC: Kalle Rovanperä chiude al comando la prima tappa del Rally di Croazia Successivo WSSP300: Steeman in pole ad Assen

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.