F4 Italia: Dunne torna al successo nella prima gara in Austria

credits: ACI Sport

Con una grande prima parte di gara ed una strenua difesa nella seconda, il pilota irlandese conquista il secondo successo stagionale

Entry list foltissima per quinto appuntamento stagionale dell’Italian F4 Championship al Red Bull Ring, seconda tappa extra italiana della serie tricolore, che ha costretto gli organizzatori a dover modificare il format di gara creando tre gare di qualificazione ed una specie di finale. Le 40 vetture presenti in questo weekend sono state suddivise in tre gruppi (A, B e C) che si daranno battaglia in tre gare per poi accedere alla finale.

Prima gara (gruppo B contro gruppo C) decisamente movimentata. La vittoria se l’è presa Alex Dunne, il quale ha approfittato al meglio dell’errore di Rafael Câmara su Taylor Barnard per passare al comando e resistere agli attacchi di James Wharton. Per Dunne, terzo in campionato, si tratta di un ritorno al successo dopo Gara 2 ad Imola. Câmara occupava la prima posizione dopo essere partito dalla pole, ma in seguito al rientro della Safety Car chiamata per una serie di contatti avvenuti nel 1° giro, è stato superato da Barnard. Il brasiliano della Ferrari Driver Academy ha tentato una reazione, ma con l’ala anteriore ha colpito la ruota posteriore destra dell’inglese, tagliandola. Risultato: ala persa da Câmara, rientro ai box per Barnard.

Dunne ha quindi ereditato la prima posizione, ma a partire dall’ottavo giro, ha dovuto difendersi dagli attacchi di Wharton. È stato un bel duello, con Dunne bravo a contenere continuamente l’assalto dell’australiano della Prema. Giro dopo giro, Dunne è riuscito a guadagnare qualche metro di vantaggio su Wharton, che nel finale è stato avvicinato da Ugo Ugochukwu. I due compagni di squadra sono arrivati al traguardo in volata, con Wharton che ha tenuto il secondo posto e l’americano che è stato bravo a concludere terzo al debutto nella serie tricolore.

Durante il 1° giro, Nikita Bedrin ha tamponato Valerio Rinicella mettendo fine alla gara del pilota romano. Poco dopo, Marcus Amand ha urtato Ivan Domingues il quale, girandosi, è stato centrato dall’incolpevole Alfio Spina. Per Spina e Domingues il ritiro è stato immediato, Amand si è fermato poco dopo, ma comunque dovrà scontare 5 posizioni in griglia nella prossima gara a causa del contatto con Domingues. Al contrario, Bedrin si è lanciato in un poderoso recupero che lo ha portato al quarto posto finale, ma è stato penalizzato di 10 secondi per il contatto con Rinicella, finendo 7°.

Nikhil Bohra, quinto al traguardo e superato nel finale da Bedrin, ha guadagnato la quarta posizione per la penalità del pilota russo. Bravo Brando Badoer, 5° dopo una corsa attenta e veloce. Buon 9° posto per Nicola Lacorte, al debutto assoluto in F4. Superato da Jonas Ried, l’italiano ha reagito all’ultimo giro ripassando il tedesco. Andrea Frassineti ha perso su un cordolo l’ala anteriore, ma ha proseguito fino al traguardo.

Articolo originale di Massimo Costa per Italiaracing.net

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente WSBK: Rea conquista la pole a Magny-Cours beffando Razgatlıoğlu nonostante il medesimo tempo Successivo F1: Appendicite per Albon. A Monza correrà de Vries

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.