F4 Italia: Kacper Sztuka vince la terza gara di Imola

credits: ACI Sport

Il pilota polacco conquista la prima vittoria nella serie tricolore resistendo agli attacchi di Rafael Câmara. Alex Dunne completa il podio

Non sono mancate le sorprese anche nell’ultima gara di Imola dell’Italian F4 Championship. Le tre gare all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari hanno espresso tre diversi vincitori con la sorpresa che arriva dal team US Racing, capace di segnare una doppietta nella seconda corsa con Alex Dunne e Kacper Sztuka e poi di vincere la terza gara con il polacco. Sztuka, partito dalla prima fila, è subito balzato in testa superando Ivan Domingues, e a partire dal 3° giro ha saputo tenere testa ad uno scatenato Rafael Câmara. Il polacco è al secondo anno nella serie tricolore ed aveva iniziato il suo percorso con il team AS Motorsport.

Il passaggio in US Racing ed una maggiore esperienza hanno cambiato le cose. Sztuka ha potuto liberare il proprio talento e su un circuito difficile come quello di Imola è stato a dir poco impressionante. Come lo è stato il suo compagno di squadra Dunne, il quale con una certa sorpresa lascia l’Italia da leader del campionato. Dunne è anche al comando della F4 inglese dopo la prima tappa disputata a Donington, dove corre con Hitech. L’irlandese partiva decimo, ma è stato strepitoso nell’azione dei vari sorpassi compiuti e bravo nel contenere negli ultimi giri Andrea Kimi Antonelli.

Il brasiliano della Prema, che dopo la vittoria di Gara 1 si è piazzato ottavo in gara 2 dopo essere partito 33°, ha terminato in 2ª posizione l’ultima gara del weekend, dopo essere partito dalla 5ª casella in griglia. Câmara ha quindi superato Taylor Barnard, mentre Maya Weug, terza in partenza, ha fatto subito un’escursione sulla ghiaia al Tamburello, che l’ha fatta precipitare nelle retrovie. Câmara ha poi sorpassato Domingues, che he commesso un errore all’uscita della Villeneuve.

Antonelli chiude con un quarto posto dopo due zeri in casella nelle prime due gare per problema tecnico in Gara 1, quando era avviato alla vittoria, ed un contatto a centro gruppo in Gara 2. Il pilota Junior Mercedes è sotto investigazione per aver urtato il compagno di squadra James Wharton che tenacemente lo precedeva in quinta posizione. Antonelli ha quindi spinto sulla ghiaia alla Rivazza l’australiano, dopo una manovra di sorpasso tardiva. Wharton ha proseguito terminando decimo.

Buona quinta posizione per Barnard, che ha preceduto dopo una bella battaglia Martinius Stenshorne ed il compagno di squadra Nikita Bedrin. Altro recupero importante per Alfio Spina, da 30° a 18°. Poco dietro, in 20ª piazza, troviamo Brando Badoer e Giovanni Maschio, 20°. Un testacoda alle Acque Minerali ha rovinato la corsa di Andrea Frassineti, comunque al traguardo seppur attardato di un giro.

credits: ACI Sport
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente JuniorGP Moto3: Buasri trionfa ad Estoril, beffa per Rueda Successivo WTCR: Azcona trionfa a Pau-Ville in Gara 2

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.