FE: Evans conquista la pole a Montecarlo

Prosegue il momento d’oro del pilota della Jaguar, che dopo la doppietta di Roma conquista la partenza dalla prima fila a Monaco

Continua il momento d’oro di Mitch Evans. Sulla scia della doppietta di Roma, il portacolori della Jaguar ha siglato la pole position per il Gran Premio di Monaco della Formula E, disputato sull’iconico tracciato di Montecarlo, dove oggi si corre l’unica gara del weekend. In finale, il neozelandese ha siglato il miglior tempo in 1:29.839, unico sotto l’1:30, battendo nel testa a testa decisivo Pascal Wehrlein per 257 millesimi. Per Evans è un risultato già preziosissimo in ottica campionato, perché la pole vale 3 punti, ed insieme all’ulteriore punto bonus per il best lap di sessione gli consente di avvicinare la vetta della classifica generale, occupata da Jean-Éric Vergne a quota 60: il divario fra i due è di soli 4 punti.

Il francese della DS Techeetah si è fermato in semifinale, sconfitto proprio da Evans, e al via sarà terzo davanti a Stoffel Vandoorne, che non è riuscito a mettersi ancora dietro la Porsche di Wehrlein come era accaduto nel Gruppo A. Evans è invece emerso da leader del Gruppo B, per poi prevalere nei quarti contro Lucas Di Grassi, alfiere del team Venturi che nel Principato gioca in casa. Nella prima fase a confronto diretto, Wehrlein l’aveva spuntata nel derby tutto Porsche con André Lotterer, mentre ad occupare la quarta fila dello schieramento saranno gli olandesi Robin Frijns e Nyck de Vries.

Qualifica difficile per Edoardo Mortara, che scatterà 16°, ma anche per Nick Cassidy, che con un lungo in frenata alla Sainte Devote ha sprecato il suo ultimo tentativo per cercare di accedere ai quarti. Partirà decimo António Félix da Costa davanti a Maximilian Günther e ad Oliver Askew: buona prova per l’americano, l’unico concorrente che si è presentato a questo appuntamento senza aver mai guidato in precedenza sul circuito di Monaco, in qualsiasi categoria. Il pilota di Andretti si è pure tolto la soddisfazione di far meglio di Jake Dennis sulla vettura gemella, scendendo in pista nello stesso Gruppo B. Sam Bird dovrà scontare una penalità in griglia rimediata in Gara 2 a Roma, venendo retrocesso tredicesimo.

Il nostro Antonio Giovinazzi, che nelle strade monegasche si è già misurato in GP2 e Formula 1, scatterà 19° con la Dragon/Penske, mentre a stupire in negativo è stato Sébastien Buemi, addirittura fanalino di coda dello schieramento con la sua Nissan. Va sottolineato come i distacchi nelle eliminatorie siano stati contenuti, ma superare sarà molto complicato.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente MotoE: Miquel Pons in pole ad Jerez Successivo Moto3: Izan Guevara conquista la pole ad Jerez

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.