FE: Mortara conquista la pole a Berlino

credits: Twitter Formula E

Il pilota della Venturi conquista la prima pole position in carriera nella serie elettrica, beffando in finale Alexander Sims

A cinque anni dall’esordio, Edoardo Mortara festeggia la sua prima pole position in Formula E: il ginevrino della Venturi ha svettato nella qualifica del sabato a Berlino, sul circuito dell’ex aeroporto Tempelhof che oggi si affronta in senso antiorario (e domani si invertirà). Con il tempo di 1:06.093, Mortara in finale ha battuto di 137 millesimi Alexander Sims, ribaltando lo svantaggio con uno splendido terzo settore. Ex leader del Mondiale 2022, e reduce da due zero consecutivi, Mortara ha una grande occasione per recuperare terreno in campionato.

Edo ha negato a Sims una pole che avrebbe avuto quasi del clamoroso: l’alfiere della Mahindra è entrato nella fase dei testa a testa da ripescato, perché nel Gruppo B aveva chiuso quinto, ma ha beneficiato del miglior tempo tolto a Sébastien Buemi, rimasto ai box meno del tempo minimo previsto. Sims nei quarti di finale ha quindi piegato Pascal Wehrlein, poi Jean-Éric Vergne in semifinale, incredibilmente a pari crono (1:06.050): il francese è stato eliminato solo perché sceso in pista per secondo, pagando dazio per una piccola sbavatura nel suo tentativo.

Per mano di Mortara si è fermata in semifinale anche l’altra vettura DS Techeetah, quella di António Félix da Costa, che dividerà così la seconda fila di Gara 1 con il compagno di squadra, mentre nei quarti l’italo-svizzero aveva avuto ragione dell’altra Porsche di André Lotterer. Ci sarà un po’ di delusione per il marchio tedesco, di casa a Berlino, perché Wehrlein era stato il più veloce nei due gironi e Lotterer nelle prove libere.

Fra le sorprese della sessione, anche Sérgio Sette Câmara che con la modesta Dragon/Penske ha superato la tagliola del Gruppo A, affrontando i quarti contro da Costa. Il brasiliano scatterà davanti alla Mercedes di Stoffel Vandoorne, attuale leader della classifica generale, mentre il campione in carica Nyck de Vries ha terminato soltanto sesto nel Gruppo B, che ha avuto nel connazionale Robin Frijns un altro escluso eccellente: decimo nel suo segmento, come Nick Cassidy nel Gruppo A a conferma di oggettive difficoltà per il team Envision Racing. Fuori nei gruppi anche le due Jaguar di Mitch Evans e Sam Bird, mentre il nostro Antonio Giovinazzi scatterà invece dalla 18ª casella, alle spalle di Oliver Rowland che ne sconta tre di penalità ricevute a Montecarlo.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente La Citroën C3 WRC Plus torna a correre grazie ad Alessandro Gino? Successivo Supercross 450: Yamaha conferma Tomac e Ferrandis per il 2023

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.