FE: Mortara trionfa a Berlino in Gara 1

Il pilota della Venturi conquista il secondo successo stagionale grazie ad una gestione perfetta degli Attack Mode e ad un allungo sul finale

Seconda vittoria stagionale, come serviva per ripartire dopo due zeri consecutivi: Edoardo Mortara festeggia nella prima gara dell’ePrix di Berlino della Formula E, dopo essere scattato dalla pole position ed aver condotto una prestazione perfetta. Pur senza scappare, il portacolori della Venturi ha viaggiato praticamente al comando dall’inizio alla fine, ad eccezione dei momenti in cui ha attivato gli Attack Mode obbligatori.

Il ginevrino ha giocato d’attesa in entrambe le occasioni, rispetto agli avversari, usando il primo bonus di potenza extra addirittura al giro 20, passato solo da André Lotterer, ed il secondo al giro 30, scivolando di nuovo dietro al tedesco e a Stoffel Vandoorne. Ma con il residuo di kilowatt aggiuntivi, Mortara ha risuperato facilmente entrambi, andando a prendersi il quarto successo in carriera nella serie elettrica dopo aver resistito al tentativo di sorpasso Jean-Éric Vergne al giro 35.

In un trenino di vetture equilibratissimo, Vergne aveva già infilato a sua volta Vandoorne sfruttando il Fanboost: pur fallito l’assalto a Mortara in curva 6, il francese si è così preso la piazza d’onore, limando di 3 lunghezze il ritardo in classifica generale dal rivale della Mercedes, che con questo terzo posto resta leader del campionato. Per il belga è stata una bella prova: ottavo in griglia, ha via via recuperato terreno proiettandosi in zona podio e nella lotta per il successo, gestendo bene l’autonomia delle batterie.

Quarta posizione per Lotterer, presenza costante nella lotta per il podio, che ha preceduto Mitch Evans: il neozelandese della Jaguar, così come il compagno Sam Bird (7°), è stato capace di risalire in sordina, raccogliendo punti preziosi dopo una qualifica deludente. In mezzo a loro l’altra Porsche di Pascal Wehrlein, 8° invece António Félix da Costa, che a corto di energia ha ceduto un paio di posizioni nel giro conclusivo. Alexander Sims, secondo in griglia, sulla distanza ha perso ritmo per chiudere 9°, davanti al campione in carica Nyck de Vries, 10° senza brillare.

Tra i big resta a mani vuote Robin Frijns, 12°. 20° il nostro Antonio Giovinazzi con la poco competitiva Dragon/Penske, mentre il proprio compagno di squadra Sérgio Sette Câmara ha concluso 17° dopo buona parte di gara in zona punti. Non hanno visto il traguardo Nick Cassidy e Lucas Di Grassi.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente MotoGP: Doppietta Ducati nelle qualifiche di Le Mans. Bagnaia in pole davanti a Miller Successivo WRC: Ci sarà una gara in Arabia Saudita?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.