FE: Mortara trionfa a Seoul in Gara 2. Vandoorne e Mercedes Campioni del Mondo

Al pilota belga basta il secondo posto per laurearsi campione e regalare alla squadra tedesca il secondo successo nella serie elettrica

È durata appena tre stagioni la storia della Mercedes in Formula E, tre stagioni che rimarranno nella storia della squadra tedesca che, come in Formula 1, ha dominato le scene del campionato elettrico conquistando la bellezza di due titoli piloti e due titoli costruttori. Dopo un’iniziale stagione di apprendimento, nel quale comunque la Mercedes ha chiuso al 3° posto nei costruttori ed al 2° nella classifica piloti con Stoffel Vandoorne, la casa di Brixworth si è imposta nella scorsa stagione con Nyck de Vries, primo Campione del Mondo, bissando il successo questa mattina con Vandoorne.

Un netto dominio che ha visto la Mercedes confermarsi come migliore compagine del campionato full electric, nonostante un impegno durato solamente tre anni, prima della sua dipartita alla fine del 2022, per lasciare il posto alla McLaren.

Il pilota belga è stato il più consistente durante tutto l’arco della stagione, pur centrando la vittoria in una singola occasione (Monaco), al contrario dei diretti contendenti Mitch Evans ed Edoardo Mortara, autori di quattro successi a testa, ma in più occasioni fuori dai punti, con Vandoorne che ha mancato la top 10 solamente in Messico, per poi salire sul podio in ben 8 occasioni, conquistando la top 5 in altre cinque occasioni.

A Vandoorne è bastato il secondo posto nel secondo ePrix di Seoul per laurearsi campione con un margine di 33 punti su Evans, oggi partito fuori dai dieci e costretto ad una rimonta che purtroppo non lo ha portato oltre il 7° posto. Un vero peccato per il pilota della Jaguar, che con la vittoria di ieri sembrava potersi realmente contendersi il titolo quest’oggi.

Chiude il campionato in terza posizione il nostro Mortara, assoluto dominatore dell’ultima gara stagionale dopo una partenza dalla seconda casella in griglia. Il pilota della Venturi ha sorpassato il poleman António Félix da Costa nelle fasi iniziali di gara, con il pilota della DS che è stato sorpreso anche da Jake Dennis, il quale ha sfruttato l’incertezza del portoghese per infilarsi in seconda posizione, con Vandoorne quarto.

La gara è stata sostanzialmente monotona nonostante due colpi di scena anche abbastanza importanti: primo fra tutti la difesa estrema di Dennis su da Costa, con l’inglese che ha spinto il portoghese quasi a muro, costringendogli a perdere numerose posizioni (finirà appena decimo) e permettendo a Vandoorne di salire in terza piazza. Successivamente il pilota Andretti è stato anche penalizzato di 5 secondi per la manovra, concedendo a Vandoorne un’ulteriore posizione e giungendo sul gradino più basso del podio.

La gara numero 100 della storia della Formula E ha così visto Mortara trionfare in scioltezza e con ampio margine nonostante una Safety Car verso fine gara, chiamata in causa per rimuovere la vettura di Maximilian Günther, chiudendo con quasi 4 secondi di vantaggio su Vandoorne. Robin Frijns ha chiuso appena fuori dal podio con Oliver Askew a completare la top 5 davanti a Jean-Éric Vergne ed Evans, mentre Nick Cassidy, Sébastien Buemi e da Costa hanno completato la zona punti.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente FE: Infortunio per Giovinazzi. Sacha Fenestraz correrà l'ultima gara stagionale Successivo MXGP: Brian Bogers domina ad Hyvinkää in Gara 1

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.