FE: Nuovo format delle qualifiche ed ufficializzazione del calendario 2022. Ecco la Season 8 della serie elettrica

credits: Twitter Formula E

Rivoluzionato il sistema delle qualifiche ed apportate delle modifiche al format di gara. Cancellato l’evento in Sudafrica, si correrà a Jakarta

Grandi novità per quanto riguarda la Season 8 della Formula E. Il campionato full electric vedrà una serie di stravolgimenti sia per quanto riguarda le qualifiche, che per alcuni aspetti legati al format di gara. Nel corso del FIA World Motor Sports Council di Parigi, che ha avuto luogo lo scorso 15 ottobre, è stato discusso del futuro della Formula E, con l’ufficializzazione del calendario 2022 e delle nuove novità in ambito sportivo.


Per quanto riguarda il calendario, si parte dalla prima bozza diramata lo scorso luglio, che prevedeva un campionato articolato su 16 tappe e 4 double header. I doppi appuntamenti sono tutti stati confermati nelle medesime date, con l’Arabia Saudita che ospiterà i primi due eventi a Diriyah, mentre a New York. Londra e Seoul si disputeranno gli ultimi sei appuntamenti stagionali, con la tappa sudcoreana che è una delle novità della nuova stagione.

Confermati anche gli eventi di Città del Messico, Cina (che ancora non ha una location), Roma, Montecarlo, Berlino e Vancouver, mentre la tappa del Sudafrica è stata annullata e sostituita con un appuntamento a Jakarta, inizialmente inserita nel calendario 2019-2020, ma sia causa Covid, sia per problemi di natura giudiziaria, aveva dovuto abbandonare le proprie chance di proporre una corsa. Rimane ancora un evento “vuoto”, il quarto stagionale, che dovrà ancora essere annunciato, e di cui ancora non si sa nulla.

credits: Formula E

Oltre alla pubblicazione del nuovo calendario aggiornato, la FIA ha anche svelato il tracciato che ospiterà la gara di Vancouver, con il Canada che organizzerà la sua seconda gara nella storia della Formula E, dopo l’evento di Montréal del 2017, che ospitò le ultime due gare della Season 3 a fine luglio ed incoronò Lucas di Grassi come campione.

credits: Formula E

La novità più significativa riguarda il format delle qualifiche, che è stato completamente stravolto dopo le numerose critiche relative alla fase a gruppi che aveva contraddistinto la composizione della griglia di partenza fino a quest’anno. Il nuovo format vedrà una fase ad eliminazione diretta, come si vede spesso nelle coppe del calcio, con due gruppi da 11 piloti ciascuno, che verranno suddivisi secondo le attuali posizioni in campionato al momento di ogni evento. Il gruppo “A” vedrà i piloti che occupano le posizioni dispari (1, 3, 5, 7…), mentre il gruppo “B” vedrà i piloti che occupano le posizioni pari (2, 4, 6, 8…).

Ogni sessione durerà 10 minuti e vedrà i piloti girare liberamente a 220kW per segnare il miglior tempo, I 4 migliori piloti di ogni gruppo vedranno affrontarsi in uno scontro diretto, a 250kW, che partirà dai quarti di finale ed arriverà fino alla finale, che di fatto assegnerà la pole position ed il secondo posto in griglia di partenza.

Si avrà, così, una situazione in cui il vincitore della finale partirà dalla prima casella in griglia, mentre il finalista perdente in seconda posizione. I due semifinalisti perdenti occuperanno la seconda fila, mentre chi si è fermato ai quarti di finale si schiererà dal 5° all’8° posto, il tutto prendendo in esame i tempi siglati nelle varie eliminatorie. Al poleman andranno anche 3 punti validi per la classifica iridata.

Alle spalle dei primi otto, il resto della griglia verrà stabilito al termine dell’intera fase ad eliminazione a seconda di chi sarà l’autore della pole position. I piloti dal quinto al dodicesimo posto che hanno gareggiato nel gruppo di chi otterrà la pole position riempiranno le posizioni dispari sulla griglia. I corrispondenti piloti dell’altro gruppo saranno classificati negli slot pari della griglia; se il polesitter proviene dal Gruppo 1, il pilota quinto classificato nel Gruppo 1 si schiererà nono sulla griglia di partenza e il quinto pilota classificato nel Gruppo 2 prenderà il decimo e così via.

credits: Formula E

Per chiudere in bellezza una carrellata di novità, di cui quella delle qualifiche abbastanza caotica e che sicuramente susciterà ancora più confusione per il pubblico, è stato aggiornato anche il regolamento delle gare, per ovviare ai problemi visti in questa stagione relativi alla riduzione dell’energia disponibile in regime di Safety Car e Full Course Yellow.

Durante i periodi di neutralizzazione della gara, infatti, verrà aggiunto del tempo alla durata della corsa. Per ogni minuto in regime di SC o FCY verranno aggiunti 45 secondi fino ad un massimo di 10 minuti. Se un periodo di SC o FCY si estende o si verifica durante o dopo il 40° minuto di gara, non verrà conteggiato per il calcolo del tempo extra. Inoltre, con la possibilità delle auto della Gen2 di utilizzare 220kW durante la gara, il boost di potenza generato dall’utilizzo dell’Attack Mode passerà da 235kW a 250kW.


Alberto Longo, CEO e cofondatore della Formula E: “Le modifiche apportate alle qualifiche e al tempo di gara riflettono l’attenzione nostra e della FIA sull’integrità sportiva e sulla massimizzazione dello spettacolo delle corse. Il nostro nuovo format di qualifica metterà in mostra le squadre ed i piloti testa a testa per tutta la stagione, consentendo comunque a qualsiasi pilota di conquistare la pole position. Per i nostri fan, il nuovo format di qualifica è stato progettato per essere intuitivo, imprevedibile e divertente. La capacità di aumentare il tempo di gara in caso di incidenti durante la normale gara di 45 minuti è un prodotto della rapida evoluzione della tecnologia dei veicoli elettrici e dei continui miglioramenti nell’efficienza energetica da parte dei team di Formula E.

Jamie Reigle, Amministratore Delegato della Formula E: “Con più gare in più città iconiche globali che mai, la stagione in arrivo sarà la nostra più grande fino ad oggi, mentre ci rialziamo dagli impatti del covid nelle ultime due stagioni. Il calendario rivisto e nuove regole significano che la Season 8 della Formula E dovrebbe essere ancora il migliore per i nostri team, piloti e tifosi.

Frederic Bertrand, direttore del dipartimento Formula E e attività sportive innovative della FIA: “Per garantire un format sportivo ancora più autentico ed intuitivo, sia i nostri team sportivi che quelli tecnici della FIA hanno messo insieme molti sforzi, in collaborazione con Formula E, per proporre prima una nuova sessione di qualifiche accattivante e dirompente. È stato progettato per rimuovere l’impatto dell’evoluzione della pista durante i gruppi, semplificando la comprensione per i fan ed ottimizzando lo spettacolo con i duelli. Inoltre, il tempo di gara effettivo sarà anche migliorato con un innovativo sistema di tempo aggiuntivo per garantire la battaglia fino alla bandiera a scacchi. Con tutte queste nuove sfide per team e piloti, sono sicuro che la competizione sarà ancora una volta molto combattuta nella Season 8 e non vedo l’ora di vedere il tutto!

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente BSB: FS-3 Racing rinnova Jackson e Skinner per il 2022 Successivo Moto3: Gabriel Rodrigo assente anche nel secondo GP di Misano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.