Formula Regional: Hadrien David vince a Monte-Carlo in Gara 1

Il pilota di R-ace GP comanda dall’inizio alla fine, resistendo agli attacchi di Dino Beganovic. L’ingorgo del tornantino ferma gran parte della gara

L’anno scorso aveva guardato i propri compagni di squadra Isack Hadjar e Zane Maloney festeggiare il successo nelle due gare di Monaco, limitandosi a completare il podio tutto targato R-Ace GP in Gara 2. Quest’anno, però, Hadrien David si è preso la propria rivincita, imponendosi nella prima corsa della Formula Regional sulle strade del Principato e risollevando una stagione che non era partita nel verso giusto.

Ripresentatosi al via del campionato per il terzo anno di fila, e nuovamente con la squadra campione in carica, David era infatti tra i favoriti al titolo alla vigilia del primo appuntamento, ma a Monza ed Imola sono maturati solamente due quarti posti come migliori risultati. Con i 25 punti del successo odierno, però, David balza dalla settima alla seconda posizione in classifica, diventando il primo inseguitore di Dino Beganovic.

Con il secondo posto il pilota svedese ha messo in cassaforte altri 18 punti, portandosi a quota 104, ben 48 lunghezze in più del rivale francese. Domani Beganovic ha un’altra occasione d’oro per aumentare ulteriormente il proprio vantaggio, forte della pole position conquistata ieri in qualifica. Gabriele Minì, oggi quarto alle spalle di Kas Haverkort, è invece terzo a 52 punti, tallonato da Paul Aron e Mikhael Belov a 48.

Il russo ha chiuso quinto in Gara 1, seguito da Gabriel Bortoleto, Mari Boya e dal miglior rookie Laurens van Hoepen. Boya è stato uno dei due piloti in top 10 a guadagnare una posizione al via, imitato da Leonardo Fornaroli, bravo a scavalcare Noel León per prendere la nona piazza. Il 17enne di Piacenza ha anche dovuto gestire un piccolo problema al cambio, ma è comunque riuscito a portare a casa un altro risultato utile in zona punti, il quarto in cinque gare.

León ha preceduto i compagni di squadra Eduardo Barrichello e Joshua Dürksen, mentre Macéo Capietto ha tagliato il traguardo in 13ª posizione. Alle sue spalle un contatto tra Esteban Masson e Sami Meguetounif aveva costretto la direzione gara ad esporre la bandiera rossa, in quanto la macchina di Masson ha creato un ingorgo al tornantino, bloccando il resto dei piloti. Il tempo non è però stato fermato, così la durata effettiva della corsa è stata dimezzata. Meguetounif è tuttora sotto investigazione per aver innescato il contatto.

Pietro Delli Guanti ha chiuso 19°, seguito da Keith Donegan, il migliore tra i piloti qualificati solamente per una manche. Pietro Armanni è risultato 21°, Francesco Braschi 24° seguito da Paul Aron, che non è riuscito a risalire il gruppo dopo il clamoroso errore in qualifica. Tutte le vetture hanno visto la bandiera a scacchi.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Moto3: Deniz Öncü si impone nelle qualifiche del Mugello Successivo MotoGP: Fabio Di Giannantonio conquista una splendida pole al Mugello

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.