IMSA: Wayne Taylor Racing conquista per la terza volta consecutiva la 24 Ore di Daytona. Ferrari quarta nella GT Le Mans

Si è aperta con la 24 Ore di Daytona la stagione 2021 dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship. A vincere la gara sono stati Filipe Albuquerque-Ricky Taylor-Helio Castroneves-Alexander Rossi. L’equipaggio della Wayne Taylor Racing, al debutto con l’Acura ARX-05 DPi, ha tagliato il traguardo davanti alla Cadillac DPi V.R #48 della Ally Racing/AXR condotta da Kamui Kobayashi-Simon Pagenaud-Jimmie Johnson-Mike Rockenfeller, con il giapponese che è stato bravissimo a superare la Mazda RT24-P #55 della Multimatic Motorsports quando mancavano solamente 4 minuti al termine della gara. Tuttavia, Jonathan Bomarito-Oliver Jarvis-Harry Tincknell possono essere contenti per il terzo posto finale, arrivato grazie ad una grandissima rimonta e alla sfortuna che ha colpito gli avversari. Ai piedi del podio troviamo l’Acura #60 della Meyer Shank Racing guidata da Olivier Pla-AJ Allmendinger-Juan Pablo Montoya-Dane Cameron, mentre la Cadillac DPi-V.R della Chip Ganassi Racing ha completato la Top 5 assoluta. Kevin Magnussen-Scott Dixon-Renger Van Der Zande stavano lottando per la vittoria ma, una foratura alla gomma posteriore destra, ha costretto Van Der Zande a rientrare nei box quando mancavano una manciata di minuti al termine della gara.

Era Motorsport vince tra le LMP2

Paul-Loup Chatin-Ryan Dalziel-Dwight Merriman-Kyle Tilley si sono aggiudicati la Classe LMP2. L’equipaggio della Era Motorsport, in gara con una  Oreca 07-Gibson, ha preceduto al traguardo la vettura gemella della Tower Motorsport condotta da Timothè Buret-John Farano-Matthieu Vaxivière-Gabriel Aubry. Questi ultimi si sono visti sfumare la vittoria nel finale, quando hanno dovuto scontare un Drive Through (partenza anticipata da regime di Full Course Yellow). In terza posizione troviamo un’altra Oreca, ovvero quella del Team Dragon Speed USA guidata da Eric Lux-Fabian Schiller-Devlin DeFrancesco-Christopher Mies. Nonostante una piccola fumata a 3 ore dalla fine della gara, il quartetto é riuscito a chiudere sul podio, precedendo l’unica Ligier iscritta alla nella LMP2. Sesto posto finale per i nostri Giorgio Sernagiotto-Roberto Lacorte-Antonio Fuoco-Andrea Belicchi, rallentati da un problema al cambio che li ha allontanati dalle zone alte della classifica.

Riley Motorsports si aggiudica la LMP3

Vittoria facile per la Riley Motorsports nella classe LMP3. Gar Robinson-Oliver Askew-Spencer Pigot-Scott Andrews hanno piazzato la loro Ligier JS P320 #74 davanti alle vettura gemella della Sean Creech Motorsport (Lance Willsey-Wayne Boyd-João Barbosa-Yann Clairay+, mentre sul terzo gradino del podio sono saliti Moritz Kranz-Laurents Hörr-Kenton Koch-Stevan McAleer. Nonostante un paio di errori e penalitá, l’equipaggio della Mühlner Motorsports America é riuscito a completare il podio.

Doppietta Corvette nella classe GT Le Mans

La Corvette ha centrato una grandissima doppietta nella classe GT Le Mans. Ad imporsi sono stati Antonio García-Jordan Taylor-Nicky Catsburg, bravissimi a precede la vettura gemella condotta da Tommy Milner-Nick Tandy-Alexander Sims. Da segnalare che l’equipaggio vincitore ha dovuto rinunciare a García nella parte finale della gara, poiché é risultato positivo al Covid-19 nell’arco della corsa. Terza posizione finale per la BMW M8 #24 di Tracy Krohn-John Edwards-Augusto Farfus-Marco Wittmann, a lungo in lotta contro le Corvette per la vittoria, mentre é arrivato solamente un quarto posto per la Ferrari #62 di Risi Competizione (Alessandro Pier Guidi-James Calado-Jules Gounon-Davide Rigon). Purtroppo, il quartetto é stato penalizzato nuovamente dal Balance of Performance. Gara da dimenticare per la Porsche 911 RSR-19 della WeatherTech Racing/Proton Competition guidata da Kévin Estre-Cooper MacNeil-Richard Lietz-Gimmi Bruni. Purtroppo, l’equipaggio é stato subito tamponato dalla Mercedes del Team Winward Racing (al volante c’era Maro Engel). Il pilota tedesco gli ha praticamente rovinato l’intera corsa.

Mercedes-AMG conquista una doppietta nella classe GT Daytona

La Mercedes-AMG ha conquistato una grandissima doppietta nella classe GT Daytona grazie ai team Winward Racing e Sun Energy 1. Nonostante il contatto avvenuto con la Porsche della WeatherTech Racing/Proton Competition, Maro Engel, Russel Ward-Philipp Ellis-Indy Dontje sono riusciti a tagliare il traguardo davanti alla vetture gemella condotta da Mikaël Grenier-Kenny Habul-Raffaele Marciello-Luca Stolz, protagonisti nelle ultime due ore di una bellissima battaglia con la Lamborghini Huracán #1 della Paul Miller Racing guidata da Corey Lewis-Madison Snow-Andrea Caldarelli-Bryan Sellers, terzi al traguardo. Gara da dimenticare per la 488 #21 di AF Corse. Daniel Serra-Simon Mann-Nicklas Nielsen-Matteo Cressoni stavano facendo un’ottima gara, ma il pilota italiano si é reso protagonista di un contatto con la Mercedes del Team Ellis. Il contatto lo ha allontanato dalle zone alte della classifica. Giornata da dimenticare anche per le Lamborghini del Grasser Racing Team, costrette al ritiro per vari problemi.

Andrea Galati Giordano

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente WRC: Andreas Mikkelsen e M-Sport insieme nel 2022? Successivo Formula 3: che sorpresa! Juan Manuel Correa affronterà la stagione 2021 con il Team ART Grand Prix

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.