Moto2: Raúl Fernández trionfa ad Austin. La caduta di Gardner riapre il Mondiale

Settimo successo per Fernández nel 2021, che piega Gardner ed è a -9 in campionato. Chiudono il podio Di Giannantonio e Bezzecchi

Colpo di scena ad Austin nel Gran Premio delle Americhe della Moto2. Raúl Fernández ha dominato anche il round statunitense con pole position, vittoria e giro veloce. Lo spagnolo non ha mai avuto problemi nel gestire la corsa, imponendo il proprio ritmo impossibile da raggiungere per gli avversari. Ci stava provando Remy Gardner, ma una scivolata a metà gara gli ha impedito di contestare la vittoria, riaprendo inoltre il campionato: solo 9 punti separano adesso i due piloti del team Red Bull KTM Ajo.

Ciò consente al duo italiano Fabio Di Giannantonio e Marco Bezzecchi di agguantare il podio in una pista storicamente sfavorevole ai nostri connazionali. In particolare i due hanno dovuto lottare a lungo inizialmente con un Cameron Beaubier scatenato, finito poi 5° dietro anche ad Augusto Fernández.

Particolarmente combattivo è stato anche Tony Arbolino, giunto 6° anche a causa di alcuni errori che gli sono costati tempo prezioso. A completare il quadro dei rookie troviamo Ai Ogura in 7° piazza, seguito da Xavi Vierge, Marcos Ramírez (anche lui autore di qualche lungo di troppo) e Jake Dixon a completare la top 10.

La prima delle Boscoscuro porta il nome di Arón Canet, solo 11° quest’oggi davanti al compagno di marca Jorge Navarro. Riesce ad ottenere punti anche la MV Agusta con Simone Corsi, 13° davanti a Somkiat Chantra e Bo Bendsneyder. Più indietro gli altri italiani, con Stefano Manzi 19° e Lorenzo Baldassarri 22°.

Gardner non è stato l’unico ritirato di giornata. Il primissimo a cadere è infatti stato Tom Lüthi, stessa sorte toccata ad Albert Arenas e Celestino Vietti. Figurano fra i ritirati anche Sam Lowes, Héctor Garzó e Marcel Schrötter.

credits: MotoGP
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente WSBK: Baz penalizzato in Gara 2. Locatelli a podio Successivo BSB: Ancora diluvio a Donington, splende di nuovo Gino Rea

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.