Moto3: Deniz Öncü si impone nelle qualifiche del Mugello

credits: Twitter Tech3 Racing

Il pilota Red Bull KTM sigla la seconda pole position stagionale e terza in carriera. Dennis Foggia è 3° girando da solo

È Deniz Öncü a conquistare la pole position per il Gran Premio d’Italia della Moto3 al Mugello: il pilota turco del team Red Bull KTM Tech 3 partirà davanti a tutti in griglia di partenza nella gara di domani, grazie al miglior giro registrato nel Q2, chiuso sul traguardo in 1:56.811.

Completano la prima fila in seconda posizione Daniel Holgado ed in terza il nostro Dennis Foggia, bravo ad incamerare meno di 3 decimi dopo un intero turno a girare da solo e senza nessuna scia. A seguire, a comporre la seconda fila, troviamo nell’ordine gli alfieri della GASGAS Sergio García ed Izan Guevara ed un buonissimo John McPhee, sesto ed in testa per gran parte del turno dopo il rientro dall’infortunio a Le Mans.

Il Q1, che ha visto tra i protagonisti Matteo Bertelle, Elia Bartolini ed Alberto Surra, si è aperto con la caduta di quest’ultimo, appena entrato in pista; per fortuna, comunque, nessuna conseguenza per l’azzurro, se non quella di non aver avuto modo di rientrare a girare sul circuito del Mugello, mentre si è chiuso con il miglior giro (e di molto rispetto a quelli dei rivali) registrato da Ryusei Yamanaka, chiuso in 1:57.595; il giapponese del team MT Helmets ha così conquistato l’accesso al Q2 insieme a Bertelle, Lorenzo Fellon e David Muñoz, bravo a strappare un biglietto per la seconda sessione al suo debutto in campionato.

Nel Q2 si è deciso tutto, come da tradizione, negli ultimi minuti, con il consueto gioco di scie ed il conseguente caos ormai tipico per la Moto3; strabiliante il giro di Öncü, Holgado ha dato il massimo avvicinandosi al turco ma, alla fine, paga un ritardo di 97 millesimi. Partirà dall’ottava posizione Riccardo Rossi, mentre Bertelle ed Andrea Migno (dal quale ci si aspettava qualcosa in più) conquistano rispettivamente la 13ª e la 16ª posizione in griglia.

Da segnalare l’assenza di Ayumu Sasaki, vittima di un brutto incidente nelle FP2, quando è stato investito da Jaume Masiá (oggi solo 15°) dopo essere finito in terra al Correntaio in seguito ad un highside. L’incolpevole pilota spagnolo è passato sopra al giapponese del Max Racing Team, che ha riportato la frattura di entrambe le clavicole ed una commozione cerebrale.

credits: MotoGP
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente WTCR: Annullate le gare del Nürburgring Successivo Formula Regional: Hadrien David vince a Monte-Carlo in Gara 1

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.