Moto3: Dennis Foggia vince al Mugello!

credits: Leopard Racing Team

Interrotta la striscia di 6 vittorie spagnole consecutive (considerando anche il GP di Portogallo della passata stagione) in Moto3, a riuscirci è stato Dennis Foggia. L’alfiere di Leopard, in un finale molto concitato – come spesso accade in questa categoria – ha iniziato davanti a tutti l’ultimo giro e, sfruttando le lotte dietro di lui tra Masìa, Sasaki, Rodrigo e Fenati, riesce ad arrivare con 3 decimi di vantaggio sul secondo all’ultimo settore del circuito, vantaggio che gli ha permesso di mantenere il primo posto ottenuto al photofinish.

A soli 36 millesimi, infatti, gli arriva dietro uno stoico Jaume Masìa con un polso sofferente a causa di un infortunio accorso a LeMans. Completa il podio Gabriel Rodrigo, seguito da Sasaki e Binder. Sfuma la vittoria per Fenati, autore di una grande prestazione che gli ha permesso di sperare fino alla fine di poterla ottenere, salvo poi essere costretto a rinunciare a causa di numerosi contatti all’ultimo giro che lo hanno fatto scendere fino alla sesta posizione.

Settimo posto per John McPhee, seguito dal leader del mondiale Pedro Acosta che quest’oggi non è riuscito a mantenere una posizione di testa nei giri finali ed è stato costretto a dover rischiare una rimonta impossibile all’ultimo giro, che gli è anche costata una posizione di penalità per aver superato i limiti della pista. Stessa sorte è toccata a Sergio Garcia, nono.

Il poleman Tatsuki Suzuki è decimo alla bandiera a scacchi, seguito da Salac (11°), Toba (12°) e Antonelli (13°) a breve distanza. A chiudere la zona punti ci sono Stefano Nepa (14°) che ha anche dovuto scontare un long lap penalty e Jeremy Alcoba (15)°. Da segnalare purtroppo la caduta di Migno poco dopo la partenza. Il giro veloce della gara lo ha siglato Sergio Garcia con un 1’57.188.

credits: motogp.com
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente TCR Europe: Teddy Clairet domina la prima gara al Paul Ricard. Ottimo secondo posto per Felice Jelmini Successivo Moto3: purtroppo Jason Dupasquier non ce l'ha fatta

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.