MotoGP: Bagnaia cala il poker a Misano

credits: MotoGP

Al termine di una gara molto intensa, Bagnaia centra la quarta vittoria consecutiva, regolando il futuro compagno di squadra Bastianini

Nonostante la penalità di tre posizioni per aver ostacolato Álex Márquez nella prima sessione di prove libere, la partenza di Francesco Bagnaia gli permette di mettersi in testa al Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini della MotoGP dopo pochi giri, complice anche la caduta del compagno di squadra Jack Miller, in terra dopo appena due giri. La gara sembra da subito indirizzarsi come le precedenti più recenti, con le Ducati a farla da padrone, le Aprilia a tentare di infastidirle ed il leader del mondiale Fabio Quartararo che cerca di gestire il distacco per provare in seguito una rimonta.

È Maverick Viñales il primo a voler infastidire la testa della corsa, ma non riesce a trovare un pertugio per provare ad infilare Bagnaia. Ne approfitta Enea Bastianini, che circa a metà gara decide di smarcarsi da Luca Marini ed attacca il migliore delle Aprilia, ottenendo la seconda posizione. Aleix Espargaró non riesce a trovare il ritmo dei primi, così come Quartararo che lo precede di poco più di un secondo in quinta posizione.

Alla lunga viene fuori la superiorità della coppia che dal prossimo anno condividerà il box Factory Ducati. È duello fino all’ultimo giro, anzi, fino all’ultimo metro: Bastianini sembra essere più veloce in alcune curve e più lento in altre. L’equilibrio sembra essere indistruttibile, tant’è che nonostante l’alta tensione dello scontro tra i due non ci sarà nessun sorpasso. Un piccolo errore di Enea all’inizio dell’ultimo giro gli fa perdere qualche decimo ed anche la possibilità di attaccare; Bastianini riesce a ricucire entro l’ultimo settore e si decide tutto sul rettilineo finale, con la volata che viene vinta da Bagnaia per soli 34 millesimi. Il pilota della Ducati ha così infilato il quarto successo consecutivo e sesto stagionale, accorciando in classifica su Quartararo a 30 punti.

Chiude sul podio Viñales, che conferma la sua ritrovata costanza di prestazioni. In quarta posizione un ottimo Marini, che riesce a difendersi sul finale dall’attacco di Quartararo (5°). In sesta posizione troviamo Aleix Espargaró, superato in classifica generale da Bagnaia per soli tre punti. A seguire, Álex Rins, Brad Binder ed Jorge Martín rispettivamente in settima, ottava e nona posizione, con Márquez a chiudere la top 10. Purtroppo continua la crisi nera della Yamaha di Franco Morbidelli, ritirato quasi all’inizio. Si segnalano le cadute di Johann Zarco, Miller e Pol Espargaró.

Al di là dei risultati di questo Gran Premio, oggi rendiamo omaggio ad un pilota che nel corso della sua carriera ci ha fatto emozionare in diverse occasioni e che negli ultimi anni in Ducati è andato molto vicino a far tornare il titolo iridato in Italia. Andrea Dovizioso dice addio alla MotoGP chiudendo con un buonissimo 12° posto. GRAZIE DOVI!

credits: MotoGP
credits: MotoGP
credits: MotoGP
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente F2: Drugovich vince la Feature Race di Zandvoort ed ipoteca il titolo Successivo WRC: Sébastien Ogier presente al Rally di Nuova Zelanda

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.