MotoGP: Francesco Bagnaia trionfa al Mugello

credits: MotoGP

Dominio Ducati nella gara di casa. Dopo la tripletta in qualifica si prende anche la vittoria con il suo uomo migliore. Altro podio Aprilia

Ci si immaginava una gara difficile per i protagonisti di questa prima parte di campionato, e così è stato. Nel Gran Premio d’Italia della MotoGP, i tre outsider che nella giornata di ieri hanno conquistato la prima fila si dimostrano degli ossi duri da sorpassare al Mugello e la rimonta per gli uomini di classifica non è affatto scontata.

Subito bagarre tra Marco Bezzecchi e Fabio Di Giannantonio per la testa della corsa, che ne vede uscire vincitore il rookie del team VR46, con il compagno di squadra subito a ruota. Poco più dietro inizia la risalita di Francesco Bagnaia e Fabio Quartararo, che gradualmente si liberano degli avversari e si avvicinano alle posizioni da podio. L’alfiere ufficiale Ducati riesce a risalire dall’ottava piazza (in cui era finito dopo una partenza non eccezionale) fino alle spalle di Bezzecchi, quando circa a metà gara lo sorpassa con una grande staccata alla San Donato.

Da quel momento in poi cerca di creare un gap importante con gli inseguitori. Nel frattempo il francese dimostra di essere in gran forma, districandosi tra tante Ducati e l’Aprilia di Aleix Espargaró e riuscendo a raggiungere la seconda posizione. Quartararo, però, non si accontenta e cerca in tutti i modi di raggiungere Bagnaia a poco più di un secondo di distanza.

Dopo qualche giro di tira e molla, il distacco oscilla tra +1.4 e +0.9 secondi, pertanto non c’è nulla da fare per la Yamaha: è Francesco Bagnaia ad aggiudicarsi il Gran Premio d’Italia al Mugello. Nonostante il secondo posto, Quartararo a fine gara afferma di aver fatto la gara della vita, a testimoniare proprio la difficoltà di quest’oggi. A completare il podio troviamo Espargaró, che oltre alla velocità ha trovato ormai una grande costanza in gara.

Al quarto posto si piazza Johann Zarco, che riesce a sopravanzare all’ultimo giro Bezzecchi, anche lui al parco chiuso poiché il primo tra i team privati. Alle sue spalle il compagno di squadra Luca Marini, autore di un’ottima gara. In settima posizione Brad Binder, seguito da Takaaki Nakagami e Miguel Oliveira.

Chiude la top 10 un Marc Márquez sempre più in difficoltà, in quella che con ogni probabilità sarà la sua ultima gara dell’anno. Di Giannantonio non è riuscito a restare tra i piloti di testa e conclude 11°. Gran peccato per il suo compagno di squadra, Enea Bastianini, che impegnato nella rimonta scivola e non taglia il traguardo.

credits: MotoGP
credits: MotoGP
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Moto2: Pedro Acosta trionfa al Mugello Successivo F2: Drugovich vince la Feature Race di Monaco

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.