MotoGP: Gardner con KTM Tech3 nel 2022

Ufficiale il debutto dell’australiano con il team satellite KTM

Dopo la conferma di Brad Binder fino al 2024, la KTM ha quest’oggi messo a segno un altro colpo. Remy Gardner, attuale leader di classifica nel Mondiale Moto2, debutterà in MotoGP l’anno prossimo nel team Red Bull KTM Tech3.

Il pilota australiano è nel momento migliore delle sua carriera. Dopo il finale di stagione nel 2020, dove ha centrato in suo primo successo nel Motomondiale nell’ultima gara di Portimão, ha iniziato nel migliore dei modi il 2021, raccogliendo 5 podi in 6 gare, conditi con la vittoria del Gran Premio d’Italia. Il suo debutto in MotoGP per il prossimo anno è il completamento della sua carriera come membro della KTM GP Academy.

Remy Gardner

“Sono estremamente felice che KTM mi abbia dato questa opportunità. È un sogno che diventa realtà per me e per quello per cui abbiamo lavorato fino a questo punto. È un’opportunità incredibile e non vedo l’ora di guidare la MotoGP. Voglio solo ringraziare KTM per aver creduto in me. In questo momento dobbiamo concentrarci sul finire il 2021 nel migliore dei modi. Voglio ringraziare anche tutti coloro che mi hanno supportato per raggiungere la MotoGP. Siamo solo all’inizio.”

Pit Beirer, Direttore di KTM Motorsport

“È un vero piacere per noi portare Remy in MotoGP la prossima stagione perché sapevamo della sua velocità e capacità per la Moto2 ed ha confermato quel potenziale. Crediamo che ci sia molto di più da tirare fuori da lui ed è importante che abbia questa opportunità per continuare a crescere. Remy è un tipico corridore. È super determinato e non si arrende mai. È emozionante da guardare e non vediamo l’ora di lavorare con lui in questo prossimo passo. Ancora una volta, stiamo anche dimostrando che la KTM GP Academy può dare la giusta opportunità ai piloti che vogliono andare fino in fondo.”

Hervé Poncharal, Team Manager

“Anche se siamo a pieno regime nella nostra stagione 2021, avendo fatto sei gare con risultati piuttosto buoni negli ultimi due round, dobbiamo anche pensare a quale sarà il nostro futuro. Winston Churchill ha detto, governare è prevedere e penso che dobbiamo pensare a quale potrebbe essere la formazione ideale per il 2022. Con Red Bull e KTM abbiamo uno strumento incredibile, a partire dalla Rookies Cup, fino al Mondiale Moto3 e poi, ovviamente, il team ufficiale Moto2 e quindi era importante mettere al sicuro Remy Gardner, che ora è in testa al Mondiale Moto2, avendo vinto l’ultimo round del Mugello in modo molto intelligente. È stato saggio e buono assicurarsi la sua presenza.”
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Davide Nicelli Jr e Tiziano Pieri vincono il Rally del Taro Nazionale Successivo Moto3: Tatay infortunato, salterà Barcellona. Al suo posto Bartolini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.