MotoGP, Jorge Lorenzo: “Ai tempi dei Fantastici 4 c’era più personalità”

Jorge Lorenzo crede che gli anni della MotoGP con maggiore rivalità e personalità risalgono al periodo dei “Fantastici Quattro”

Questa settimana Jorge Lorenzo è stato raggiunto dai microfoni dell’emittente televisiva RTVE per rilasciare un’intervista sui progetti futuri, ma con un occhio anche al passato.

“Da quando mi sono ritirato ho passato metà del tempo viaggiando perché era un mio obiettivo da tempo. Viaggiare e visitare le città è quello che sto facendo principalmente.

Sono già passati tre anni ma quello che dovevo fare l’ho fatto. Chiaramente con il tempo si perdono i riflessi, l’ambizione, il fisico che si aveva un tempo.

Stavo per tornare nel 2020 ma ho fatto marcia indietro perché quando si avvicinava il momento della firma pensavo più ai momenti negativi che a quelli positivi. Non mi pento della mia decisione.

Mi piacerebbe fare il commentatore ed è possibile che ci riesca già quest’anno ma non escludo un futuro nelle corse automobilistiche.

Per il 2022 vedo come favoriti chiaramente Marc Marquez ma anche Fabio Quartararo e Francesco Bagnaia. La Ducati deve farcela quest’anno perché ha la moto più completa.

Pecco si è consolidato ma anche Jorge Martìn è un pilota esplosivo e fortissimo. Impossibile escludere appunto Quartararo, essendo il campione uscente.

L’epoca dei Fantastici 4 è stata una tappa fondamentale della mia carriera. L’età dell’oro del motociclismo perché c’era molta competizione, considerando anche presenze come Marco Simoncelli. Marquez è arrivato solo dopo.

C’era molto carisma e rivalità fra di noi, adesso sembra che tutti i piloti vadano d’accordo, sono giovani e se la cavano bene.

Prima questo non esisteva perché c’era tanta rivalità tra tutti. Ho avuto bagarre con Pedrosa, Rossi, Stoner e non andavamo d’accordo. Oggi tutti si fotografano e postano sui social o nel paddock.

Per noi era diverso, credo che ci fosse più personalità in quei tempi.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente WSSP: Alessandro Zetti al debutto con Kallio Racing Successivo WRC: Thierry Neuville chiude al comando la prima tappa del Rally di Svezia

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.