MotoGP: Oliveira trionfa sotto la pioggia di Mandalika

credits: MotoGP

Il pilota della KTM domina la prima gara bagnata della stagione, regolando Quartararo e Zarco

Nonostante le condizioni metereologiche, il Gran Premio dell’Indonesia della MotoGP ha regalato tanto spettacolo, con Miguel Oliveira che ha conquistato il suo quarto successo in carriera in MotoGP e 16ª in totale nel Motomondiale, contando anche le 6 in Moto3 e le altrettante in Moto2. La partenza della terza edizione del GP d’Indonesia, come detto, è stata posticipata di circa un’ora a causa di un tremendo acquazzone che ha colpito la pista poco prima della partenza e che ha sparigliato le carte in tavola.

Fabio Quartararo prova subito ad imporsi con il suo passo, ma viene presto ripreso dal duo Ducati composto da Jack Miller e Johann Zarco. In difficoltà a metà gara, il francese della Yamaha viene sorpassato anche da un Oliveira in grande spolvero e si ritrova in lotta con Álex Rins.

L’australiano guida la corsa per qualche giro, ma non può nulla contro la rimonta del portoghese della KTM, che gradualmente stacca il gruppo di testa rifilandogli più di 4 secondi di distacco. Non c’è storia per quanto riguarda il primo posto: Oliveira gestisce in maniera magistrale il vantaggio accumulato e va a vincere il Gran Premio.

Ultima parte di gara straordinaria per il Campione del Mondo in carica: Quartararo è quello tra gli inseguitori che ne ha più di tutti e termina al secondo posto, seguito da Zarco che beffa sul finale il compagno di marca Miller. Discreta prova anche per Rins, quinto a precedere il compagno di squadra Joan Mir.

Al settimo posto si classifica Franco Morbidelli, primo degli italiani quest’oggi, che sfrutta una partenza a razzo per togliersi dai guai e lasciarsi dietro il gruppo formato dai fratelli Brad e Darryn Binder, Aleix e Pol Espargaró, Alex Marquez, Luca Marini ed un Enea Bastianini molto combattivo, che però all’ultimo giro perde la posizione nel tentativo di attaccare l’ottava piazza e termina 11° (mantenendo comunque la testa del mondiale).

Non è di certo la giornata di Andrea Dovizioso, out a causa di problemi tecnici, né delle Ducati di Jorge Martín e Francesco Bagnaia. Il primo è caduto a causa di una violenta frenata (durante un tentativo di sorpasso) in staccata su di un rivolo d’acqua che lo ha fatto scivolare. Il secondo non ha trovato il feeling giusto, considerando la scelta di Ducati di effettuare una modifica nel setting della moto poco prima di partire, con l’intento di avere un vantaggio con l’asciugarsi della pista. Il vice Campione del Mondo, però, non riesce mai a trovare il cambio di passo, anzi più volte finisce fuori pista, dovendo accontentarsi di concludere in 15ª posizione.

Da notare l’assenza di Marc Márquez, che durante il Warm Up è stato vittima di una caduta devastante dovuta ad un highside in curva 8 a circa 3 minuti dalla fine della sessione, che gli ha causato una commozione cerebrale, venendo dichiarato unfit per la gara.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente F3: Victor Martins vince la Sprint Race del Bahrain Successivo Asia Talent Cup: Hakim Danish concede il bis a Manalika

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.