MotoGP, Sylvain Guintoli: “Vi spiego perché noi piloti usciamo il piede in frenata”

Credits: Sylvain Guintoli Facebook

Sylvain Guintoli, da quando è collaudatore della Suzuki MotoGP, ha aperto un canale su YouTube, dove aiuta con consigli utili giovani praticanti di motociclismo su pista. Nel suo ultimo video, Guintoli ha spiegato perché i piloti professionisti escono spesso il piede dalla pedana in fase di frenata. Ecco le sue motivazioni.

“Il fatto che i piloti escano il piede in frenata è il risultato diretto del miglioramento generale della MotoGP in termini di prestazioni. Infatti si è raggiunto un punto in cui la decelerazione e la forza G in frenata è talmente forte che il piede scivola automaticamente.
Il primo a scoprire che questo potesse essere un vantaggio è stato Valentino Rossi. Ha iniziato ad allungare la gamba in ogni curva, cosa che poi tutti gli altri piloti hanno copiato.
Questo comporta varie cose. Innanzitutto, visto che il baricentro della moto si sposta sul basso in frenata, la stabilità aumenta considerevolmente. Con la gamba distesa, inoltre, il pilota scivola leggermente all’indietro, sposando il baricentro sul retro.
Inoltre, migliora anche la resistenza dell’aria, perché la gamba chiaramente frena, anche se solo in maniera marginale. Di conseguenza, la moto decelera un po’ di più.
Infine, bisogna considerare che in MotoGP il corpo è esposte a forze G molto forti. Quando viene usata la gamba per frenare, la resistenza all’aria spinge il corpo dietro e le braccia vengono leggermente sollevate, permettendo di riposarle un minimo.
In definitiva, il piede funge da àncora e aiuta a rallentare la moto. Il vantaggio che ne deriva, secondo me, è minimo, ma in MotoGP differenze marginali possono fare la differenza. Un pilota amatoriale, invece, non noterà nulla finché non si troverà al limite assoluto.”

Pierluigi Magro

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente MotoGP, Takaaki Nakagami: "Ecco cosa penso di Crutchlow" Successivo IMSA: Scuderia Corsa annuncia i suoi pilota per la 24 Ore di Daytona

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.