MotoGP: Takuya Tsuda wild card a Motegi con Suzuki

credits: Suzuki Racing

Il tester giapponese correrà per l’ultima volta in MotoGP con la casa di Hamamatsu nel Gran Premio del Giappone

Suzuki a tre punte nella sua ultima gara di casa in MotoGP. Nel Gran Premio del Giappone del prossimo 25 settembre la casa di Hamamatsu schiererà il tester Takuya Tsuda al fianco dei titolari Joan Mir ed Álex Rins. Una sorta di regalo per il pilota giapponese, che correrà la sua seconda gara nella classe regina dopo il Gran Premio di Spagna di Jerez del 2007.

Tsuda, infatti, è stato “battuto” nella concorrenza per sostituire l’infortunato Mir nel weeekend di Misano di questa settimana, con la Suzuki che, vista l’assenza anche del tester principale Sylvain Guintoli, ha preferito far correre l’altro collaudatore Kazuki Watanabe, che però è impegnato nel progetto Superbike in Giappone, ma è stato grande protagonista della 8 Ore di Suzuka, corsa in coppia con Gregg Black e chiusa al terzo posto dopo una rimonta dalla 22ª posizione.

Tsuda è stato parte vitale della Suzuki da quando si è unito come Test Rider nel 2015, usando la sua vasta esperienza per sviluppare la GSX-RR insieme al dipartimento Racing & Development in Giappone e collaborando con Guintoli per test. Il 39enne è salito più volte sul podio nella leggendaria 8 Ore di Suzuka ed ha anche avuto successo nella serie All Japan, correndo lì dal 2003. Nel 2022, insieme ai suoi doveri di Test Rider, è impegnato nella classe ST1000 dell’All Japan Road Race Championship, dov’è attualmente quarto nella classifica di campionato.

Shinichi Sahara, Project Leader e Team Director: “Takuya Tsuda è stato coinvolto nello sviluppo della GSX-RR come Test Rider per molti anni ed ha contribuito così tanto ai risultati del progetto MotoGP di Suzuki, inclusa la nostra vittoria del titolo nel 2020. Spero che Tsuda si divertirà a guidare a casa in Giappone davanti a questa folla speciale e calorosa. Lui, insieme a tutto il team, completerà lo sviluppo attraverso questa corsa jolly e forniremo le tecnologie alle produzioni di massa di Suzuki per il futuro.

Takuya Tsuda: “Prima di tutto voglio ringraziare Suzuki per avermi dato questa opportunità. Negli anni ho assistito alle prestazioni dei piloti Suzuki nelle gare della MotoGP con la GSX-RR dove sono stato coinvolto nello sviluppo come Test Rider. Ora sono molto entusiasta di salire a bordo e di poter correre io stesso con la GSX-RR di fronte ai fan giapponesi! Farò del mio meglio con il team per rendere questa gara il culmine del nostro sviluppo.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente DTM: Luca Stolz trionfa al Nürburgring in Gara 2 Successivo BSB: La BMW torna grande sul podio. Buchan trionfa Cadwell Park in Gara 2

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.