Motomondiale: Orari TV del GP del Qatar

credits: Twitter MotoGP

Losail apre le danze della stagione 2022. Inizia la sfida per il Titolo Mondiale nelle tre classi. Presente anche l’Asia Talent Cup

Manca ormai pochissimo all’inizio del Motomondiale 2022, che come di consueto aprirà le danze con il Gran Premio del Qatar sul tracciato di Losail. Dopo un’intensa stagione 2021 sono tante le novità che vedremo in pista un questa nuova annata, a cominciare dalla coppia Red Bull KTM Ajo nel 2021 ha dominato la Moto2 e che ora si farà le ossa in MotoGP. C’è tanta curiosità di vedere cosa potranno combinare Remy Gardner e Raúl Fernández, che correranno nuovamente come compagni di squadra nel team Tech3.

Grande curiosità soprattutto per la flotta Ducati, che quest’anno vedrà nuovamente Francesco Bagnaia come uno dei grandi favoriti per la vittoria finale, senza dimenticare Jorge Martín ed Enea Bastianini, con un occhio di riguardo anche a Johann Zarco e Jack Miller, che potrebbero essere dei pretendenti importanti se riusciranno a minimizzare gli errori in gara.

Dopo i progressi mostrati dall’Aprilia negli ultimi anni, la nuova coppia Aleix Espargaró-Maverick Viñales potrà essere outsider importante e tutti noi speriamo finalmente in una vittoria della casa di Noale. Dopo i test pre-stagionali la Yamaha sembra essere quella più in difficoltà, ma come sempre dovremo aspettare i risultati in pista per poter trarre qualche giudizio.


Con il passaggio dalla classe di mezzo alla top class dei primi tre classificati del 2021, la Moto2 sarà probabilmente la categoria più incerta relativamente a chi potrà contendersi il titolo nel 2022. Sicuramente uno dei grandi favoriti sarà Augusto Fernández, 5° classificato l’anno scorso con Marc VDS ed ora in forze al team Red Bull KTM Ajo, che potrà vantare anche la presenza di Pedro Acosta. Il neocampione della classe Moto3 sarà sicuramente uno dei pretendenti al titolo di Rookie of the Year, se non addirittura per il titolo mondiale.

Grandi aspettative ci sono anche per i nostri Tony Arbolino e Celestino Vietti, con quest’ultimo che nelle ultime gare dello scorso anno ha mostrato buoni progressi e nel 2022 sarà il pilota di punta del team VR46. Arbolino, invece, sarà al via con l’altro top team della classe di mezzo del Motomondiale, ovvero Marc VDS, che ancora una volta schiererà Sam Lowes. Il pilota inglese è sempre stato molto veloce, ma anche abbastanza incline all’errore, che anche quest’anno potrebbe precludergli le speranze iridate.


Nella classe Moto3 ci sarà come al solito tanta battaglia e non mancheranno le emozioni in gara. La caratteristica della classe minore è quella di risentire parecchio delle scie, il che produce ogni anno gare molto combattute nelle quali la vittoria non è quasi mai scontata fino alla fine.

Dopo aver perso le speranze iridate sul finale della scorsa stagione, Sergio García si ripresenterà ai nastri di partenza con grandi aspettative e forte dell’assenza di Acosta, passato in Moto2. Lo spagnolo del team Aspar, però, dovrà vedersela con un ritrovato Dennis Foggia, che dopo aver iniziato il 2021 nel peggiore dei modi, si è risollevato ed ha concluso la stagione al 2° posto nella classifica generale, mostrando una velocità impressionante, ma anche troppa foga, che l’ha portato ad un particolarissimo trend “o podio o caduta”.

Il pilota italiano potrà contare nuovamente sul team Leopard, che gli fornirà sicuramente una moto in grado di poter ambire all’iride. Lo stesso sarà per il suo nuovo compagno Tatsuki Suzuki, velocissimo anche lui, ma in terra troppo spesso. Grandi aspettative anche sul ritorno di Ana Carrasco e sull’approdo di Taiyo Furusato, campione dell’Asia Talent Cup nella scorsa stagione.


Il campionato asiatico, come ogni anno, ripartirà a supporto del Motomondiale, con il Qatar che ospiterà il primo round stagionale. La due giorni di test a Losail di qualche giorno fa ha visto ben tre piloti, tutti al debutto, primeggiare con un margine di soli 27 millesimi nella classifica dei tempi. Il giapponese Amon Odaki ha siglato il miglior tempo in 2:11.313, battendo per soli 12 millesimi Shinya Ezawa e di 27 Veda Pratama.


Per il primo appuntamento stagionale, Sky ha deciso di differenziare la programmazione sul canale dedicato nella piattaforma satellitare ed in chiaro con TV8, che manderà le qualifiche e le gare delle tre categorie in replica. Le gare dell’Asia Talent Cup, come sempre, saranno visibili gratuitamente sul canale YouTube del campionato (qui il link).

Dirette Sky Sport MotoGP (208)

Giovedì
Ore 15:00/16:00 – Conferenza Stampa piloti

Venerdì
Ore 09:45/10:40 – FP1 Moto3
Ore 10:40/11:35 – FP1 Moto2
Ore 11:35/12:35 – FP1 MotoGP
Ore 14:05/15:00 – FP2 Moto3
Ore 15:00/15:55 – FP2 Moto2
Ore 15:55/17:00 – FP2 MotoGP

Sabato
Ore 09:20/10:15 – FP3 Moto3
Ore 10:15/11:10 – FP3 Moto2
Ore 11:10/12:10 – FP3 MotoGP
Ore 13:25/14:20 – Qualifiche Moto3
Ore 14:20/15:15 – Qualifiche Moto2
Ore 15:15/15:55 – FP4 MotoGP
Ore 15:55/16:50 – Qualifiche MotoGP
Ore 17:45/18:15 – Conferenza Stampa

Domenica
Ore 10:55/12:15 – Warm Up
Ore 13:00/14:00 – Gara Moto3
Ore 14:20/15:15 – Gara Moto2
Ore 16:00/17:00 – Gara MotoGP

Differite TV8

Sabato
Ore 18:45/20:00 – Replica Qualifiche

Domenica
Ore 18:35/19:30 – Gara Moto3
Ore 19:50/20:45 – Gara Moto2
Ore 21:35/22:30 – Gara MotoGP

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente F1: La FIA cancella il GP di Russia, ma consente ai piloti russi di correre con limitazioni Successivo TCR Italy: Rodolfo Massaro correrà con l'Audi RS3 LMS TCR DSG di Elite Motorsport

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.