Motomondiale: Petronas SRT chiuderà i battenti a fine stagione

credits: Twitter Petronas SRT

La struttura malese non si iscriverà al campionato 2022. A Misano verrà annunciata la creazione di una nuova squadra, condotta ancora da Razali

Terminerà nel 2021 la storia del team Petronas SRT nel Motomondiale. Dopo il recente addio di Petronas come sponsor, anche il Sepang Racing Team ha deciso di chiudere qui l’esperienza nelle classi MotoGP, Moto2 e Moto3, dopo 7 stagioni nel circus, di cui 5 sotto lo sponsor del colosso petrolifero malese.

Il Team Principal Razlan Razali ed il Team Director Johan Stigefelt continueranno nella categoria MotoGP dal 2022 in poi con una nuova entità. Questa nuova entità ed il nuovo title partner saranno annunciati al GP di San Marino e della Riviera di Rimini a Misano il 16 settembre, ma alcuni rumors nel paddock sostengono già che sarà WithU Motorsport a diventare il nuovo title partner.

Il Petronas Sepang Racing Team nel suo formato attuale è stato formato nel 2018 per correre in tutte le categorie del Motomondiale, dalla stagione 2019 in poi. Il team è stato supportato in tutte e tre le categorie dal colosso petrolifero, e dal proprietario del team, il Sepang International Circuit.

Solo alla sua quarta gara, la squadra della MotoGP era in prima fila in griglia, grazie alla pole position di Fabio Quartararo nel GP di Spagna ad Jerez. Il suo primo podio è arrivato dopo sette gare (secondo posto di Quartararo a Barcellona). Nel 2020, il team ha ottenuto la prima vittoria per un team satellite Yamaha MotoGP in oltre 20 anni, grazie al successo del francese a Barcellona, ed è arrivato secondo nella classifica generale dei team con Franco Morbidelli, che è anche arrivato secondo nella classifica generale dei piloti, vincendo il titolo di Top Independent Rider. Per il 2021, la squadra è stata affiancata da uno dei piloti più grandi di tutti i tempi, Valentino Rossi.

L’origine del team risale al 2015 come M7 DRIVE SIC Racing Team in Moto3, che si è assicurato due podi nella sua prima stagione (un secondo ed un terzo posto di Jakub Kornfeil a Silverstone e Valencia). Il partner principale, Petronas, è salito a bordo nel 2017, dando vita al nuovo team Petronas Sprinta Racing con la squadra in crescita fino a comprendere la Moto2 nel 2018.

Razlan Razali, Team Manager: “Negli ultimi anni abbiamo vissuto un viaggio straordinario. Da un piccolo inizio nel 2015 c’è stato un grande passo per noi nel 2018, quando ci siamo assicurati l’ingresso nella classe regina del Motomondiale, ed abbiamo costruito una squadra di MotoGP da zero. Il team correrà la sua ultima gara a Valencia e ringraziamo tutto il nostro equipaggio, i piloti, i fan ed i partner per il loro supporto. In particolare, ringraziamo Petronas, con il quale nulla di tutto questo sarebbe stato possibile. Insieme abbiamo portato il marchio Petronas e l’esperienza malese in prima linea nella rete e abbiamo acquisito un’esposizione ed una copertura del marchio senza precedenti, superando esponenzialmente tutte le aspettative. Ringraziamo anche il Sepang International Circuit per la loro visione ed il supporto per un lungo periodo. Il nostro sogno collettivo era quello di avere un pilota malese in competizione per il podio in MotoGP. Purtroppo, non siamo stati in grado di raggiungere questo obiettivo nella breve vita della nostra squadra, ma possiamo riflettere su un enorme successo con ogni altra misura. La nostra ultima stagione non è ancora giunta alla sua conclusione e continuiamo a lottare per i migliori risultati possibili in tutte e tre le classi. Grazie a tutti.

Johan Stigefelt, Team Director: “Grazie a Petronas per l’opportunità data negli ultimi tre anni e per tutto ciò che abbiamo raggiunto insieme. Sono triste che non siamo stati in grado di continuare questo progetto, poiché abbiamo creato una grande squadra in tutte e tre le categorie del Motomondiale in così poco tempo e la nostra visione era che questo fosse un progetto a lungo termine. Abbiamo lavorato con personale incredibile, piloti fantastici e goduto del supporto di grandi partner e fan meravigliosi ed offriamo la nostra sincera gratitudine a tutti loro. Grazie anche al Sepang International Circuit con il quale il rapporto risale al 2015. Insieme siamo cresciuti da una piccola squadra di Moto3 con due piloti ad una delle più grandi squadre mai esistite nel paddock della MotoGP. Sono orgoglioso di aver fatto parte di questo viaggio insieme e senza il Sepang International Circuit questo non sarebbe stato possibile. Come squadra, abbiamo ottenuto la nostra prima vittoria, in Moto3, a Le Mans con John McPhee nel 2019 ed avevamo già ottenuto la nostra prima pole position in MotoGP al GP di Spagna con Fabio Quartararo ad Jerez quello stesso anno. Abbiamo goduto di sei vittorie in MotoGP tra Fabio e Franco Morbidelli nel 2020. Abbiamo ricordi favolosi degli ultimi tre anni, ma ora guardiamo al resto di questa stagione per concludere l’anno nel miglior modo possibile. In particolare, voglio davvero ringraziare tutti nelle squadre Moto2 e Moto3 che non sono solo colleghi, ma sono diventati veri amici negli ultimi anni. È molto difficile per me dire addio a tutte queste persone, soprattutto perché hanno contribuito in modo determinante al nostro successo e alla struttura che abbiamo costruito insieme in questi anni. Voglio ringraziarli tutti in particolare. Per il futuro abbiamo un nuovo ed entusiasmante progetto. Restiamo nel paddock della MotoGP con nuove maglie da indossare. Ma ne parleremo più avanti; per ora abbiamo le restanti gare della stagione 2021 per correre nel miglior modo possibile. Grazie a tutti.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente EWC: Giovanni Baggi presenta la nuova lineup per il Bol d'Or Successivo Moto2: Triumph rinnova fino al 2024

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.