Presentazione in massa per la McLaren. Svelate le vetture di F1, IndyCar ed Extreme E

credits: McLaren Racing

“Lanciare ciascuno dei nostri concorrenti insieme è un momento estremamente orgoglioso per il nostro team”

Si è svolta poco fa la presentazione della McLaren per la stagione sportiva 2022. Una presentazione che ha visto svelare le vetture con la quale la scuderia inglese affronterà il 2022 in Formula 1, IndyCar ed Extreme E. Una grande presentazione presso il McLaren Technology Centre, situato nel quartier generale di Woking, vicino Londra.

In vista di una nuova entusiasmante era di regolamenti di F1, la McLaren ha presentato la nuovissima MCL36, che sarà guidata nuovamente da Lando Norris e Daniel Ricciardo. La MCL36 parteciperà al Campionato del Mondo di Formula 1, mentre il team cerca di continuare il suo trend di crescita per conquistare i Campionati del Mondo Piloti e Costruttori

La McLaren ha anche presentato il team Arrow McLaren SP, che ancora una volta schiererà una line-up vincente con Patricio O’Ward e Felix Rosenqvist, che guideranno rispettivamente la Arrow McLaren SP Chevrolet #5 e la Vuse Arrow McLaren SP Chevrolet #7. Arrow McLaren SP inizierà la sua stagione di IndyCar con il Gran Premio di St. Petersburg, in Florida, il prossimo 27 febbraio.

Oltre alla Formula 1 e all’IndyCar, il team ha anche rivelato la livrea inaugurale della McLaren Extreme E, per adornare il fuoristrada completamente elettrico #58, che sarà pilotato dall’ex pilota WRC Emma Gilmour e dal quattro volte campione statunitense di Rallycross Tanner Foust.

La Gilmour sarà la prima donna pilota McLaren, in linea con l’impegno del team a mostrare ed ispirare la diversità nel Motorsport. Il numero 58 è stato scelto in omaggio al fondatore di McLaren Racing, Bruce McLaren. La prima auto da corsa di Bruce, una Austin 7 del 1929, portava il numero 58 ed occupa un posto d’onore all’ingresso del McLaren Technology Centre. Il team McLaren Extreme E darà il via alla sua lotta per il campionato Extreme E 2022 al Desert X-Prix di NEOM, in Arabia Saudita, il 19 prossimo febbraio.

Le livree delle varie vetture portano un nuovissimo colore Fluro Papaya unito al blu. Questa combinazione di colori si basa su precedenti iterazioni delle livree McLaren, pur mantenendo le colorazioni papaya e blu che sono diventate sinonimo della squadra, dopo che sono state introdotte per la prima volta per la stagione Can-Am del 1967.

Alla base del lancio del team c’è l’impegno di McLaren Racing ad integrare la sostenibilità in ogni decisione e azione, attraverso quattro pilastri fondamentali: raggiungere lo status di zero emissioni nette entro il 2030, accelerare la transizione verso un’economia circolare per ridurre, riutilizzare e riciclare le risorse, promuovere una cultura diversificata ed inclusiva nella forza lavoro e nell’industria attraverso l’iniziativa McLaren Racing Engage e promuovere la salute ed il benessere all’interno del personale, dei fan e delle comunità in cui lavorano e corrono.

La McLaren ha un’eredità di leadership sostenibile ed è stato il primo team di Formula 1 ad essere certificato “carbon neutral” nel 2011 e mantenere il premio Carbon Trust Standard, l’ultimo nel febbraio 2021. Il team è stato anche il primo a ricevere il FIA Institute’s Environmental Award nel 2013, che è stato costantemente mantenuto ad un Gold standard a tre stelle.

McLaren Racing ha l’ambizione di contribuire a portare avanti l’agenda dello sport e dell’industria, in collaborazione con tutte le parti interessate con l’obiettivo di contribuire positivamente ad un futuro veramente sostenibile.

Zak Brown, CEO: “Sono lieto di vedere che oggi lanciamo tutti e tre i programmi McLaren Racing nei campionati di Formula 1, IndyCar ed Extreme E. Questa è la prima volta per noi come squadra, e nel più ampio mondo del Motorsport, ed è stato fantastico vedere quanto siano stati entusiasti i fan mentre si preparavano ad unirsi a noi nella prossima parte del nostro viaggio. Il nostro team di Formula 1 continua a fare grandi progressi anno dopo anno con Andreas Seidl al timone, e questa nuova era di regolamenti rappresenta una vera opportunità per il team. Sono entusiasta di vedere Lando e Daniel mettersi al volante della MCL36 e portarla alla competizione quest’anno. Lando ha fatto grandi progressi nel 2021, segnando quattro podi, e la sensazionale vittoria di Daniel a Monza ha ricordato al team cosa si prova a vincere di nuovo. Mentre ci dirigiamo verso il 2022, stiamo cercando di basarci su questi progressi e di colmare ulteriormente il divario con i team più forti. Negli Stati Uniti, Arrow McLaren SP entra nella stagione IndyCar 2022 con grande slancio dopo una lotta serrata per il campionato nel 2021. Pato è cresciuto enormemente nelle ultime due stagioni, assicurandosi due vittorie e rimanendo nella lotta per il titolo fino alla gara finale. Felix è un talento incredibile che si unisce a noi ancora una volta per mostrare il suo vero potenziale nella vettura #7. Siamo entusiasti di lanciare il nostro team Extreme E e la livrea in vista della prima gara in poco meno di una settimana, con Emma e Tanner al volante della McLaren #58. È fantastico unirsi a questa nuova serie innovativa ed entusiasmante, che contribuirà ad accelerare la nostra missione di sostenibilità. Tutti noi della McLaren non vediamo l’ora di vedere cosa Emma e Tanner potranno fare nel deserto al nostro X-Prix inaugurale.

Lando Norris: “Sembra passato molto tempo dall’ultima volta che eravamo in pista ad Abu Dhabi e non vedo l’ora di tornare in macchina e mettere alla prova la MCL36. L’anno scorso è stato il mio migliore in Formula 1 finora, e sono davvero orgoglioso di ciò che ho raggiunto come pilota e di ciò che abbiamo raggiunto come squadra. Ma so che il meglio deve ancora venire, e il mio obiettivo è quello di portare lo slancio positivo che abbiamo costruito nell’ultimo anno e portarlo con me in questa nuova entusiasmante era della Formula 1. Sono in una buona posizione per quest’anno per ripartire sui successi del 2021. Sono cresciuto al fianco della McLaren e sono davvero felice di aver recentemente confermato il mio futuro a lungo termine con il team. Insieme, non vedo l’ora di scoprire cosa possiamo ottenere e lavorerò sodo per massimizzare le opportunità che ci si presenteranno.

Daniel Ricciardo: “C’è sempre un’emozione intorno all’inizio della nuova stagione, ma questa è al massimo quando si entra in una nuova era di regolamenti. Avendo subito diverse modifiche al regolamento ora, mi sento come se fossi in grado di usare quell’energia per aiutarmi ad adattarmi a nuove auto, nuovi modi di guidare e, in definitiva, nuovi modi di correre. Queste nuove auto saranno molto diverse dalle precedenti che ho guidato, ma sono fiducioso che avremo gare più combattute e più opportunità per arrivare in testa al gruppo. Entrare nel mio secondo anno con la McLaren è fantastico e sento che abbiamo imparato molto come squadra nel 2021, il che ci aiuterà ad affrontare questa nuova sfida. Assicurarmi la vittoria a Monza è stato un vero momento clou della mia carriera, ma ora è tutto nel passato, e darò tutto per garantire più momenti del genere per la squadra durante la stagione 2022.

Pato O’Ward: “Sto entrando nella mia terza stagione completa in IndyCar quest’anno, venendo da una forte stagione nel 2021. Ogni anno, Arrow McLaren SP ed io continuiamo ad alzare l’asticella per noi stessi, ed ho un programma che non sarà diverso nel 2022. Abbiamo un altro colpo alla 500 Miglia di Indianapolis quest’anno ed abbiamo intenzione di essere in lotta per il campionato fin dall’inizio. Ho avuto una offseason molto attiva, assicurandomi di essere in perfetta forma e pronto per la sfida che mi aspetta. La stagione sta arrivando velocemente, e mi sento davvero motivato e determinato a rendere quest’anno il migliore di sempre, mentre mi godo anche le grandi persone intorno a me nel team. Non mi aspetto che quest’anno sarà facile. Andiamo avanti e vediamo cosa possiamo fare. Darò assolutamente tutto dentro e fuori dalla macchina in modo da poter trarre il meglio dal 2022.

Felix Rosenqvist: “Entrando nel 2022 c’è un lato diverso di me che è molto motivato e pronto per iniziare. Sto sicuramente cercando un po’ di riscatto dopo l’anno scorso, che è la miglior motivazione. Ci sono molte ragioni per cui Arrow McLaren SP è entusiasta, dato dove eravamo l’anno scorso a dove siamo ora. Questa squadra è in continua evoluzione e cerca di migliorare, soprattutto con l’integrazione della McLaren che ci aiuta a fare passi avanti ogni giorno. Non vedo l’ora di tornare a Toronto quest’anno, il che sarà davvero bello perché non ci siamo stati in due anni. La 500 Miglia di Indianapolis è sempre il momento clou e quest’anno sento che il team. È ancora presto, ma quest’anno mi sento molto preparato per maggio, in particolare, quindi ho grandi speranze per quella gara. La offseason della IndyCar è sempre lunga, quindi tornare in pista sarà davvero speciale. Sono entusiasta di tornare in macchina per testare e vedere come si sente la macchina, ma anche come mi sento fisicamente e mentalmente. È tempo di vedere se le cose su cui abbiamo lavorato durante la offseason pagheranno.

Emma Gilmour: “Dopo la pausa invernale Tanner ed io siamo pronti a tornare in macchina e non vediamo l’ora di ricongiungerci con la nostra spettacolare livrea. Non abbiamo visto l’auto da quando la nave ha lasciato il Regno Unito per trasportare le auto in Arabia Saudita alla fine di dicembre. Sarà una reunion! Abbiamo una piccola grande squadra pronta a vederci attraverso la nostra prima stagione e alcune località di gara epiche ed impegnative. Non vedo l’ora!

Tanner Foust: “La Extreme E utilizzerà ogni singola abilità di guida che ho, inclusa la guida acrobatica. Non potrebbe esserci una serie più impegnativa se si pensa ai luoghi in cui gareggia. Ero un laureato in scienze, quindi non vedo l’ora di scoprire di più sul programma legacy e vedere gli scienziati itineranti in azione. Emma ha avuto un po’ di vantaggio quando ha partecipato alla scorsa stagione, quindi sa di più su ciò che ci aspetta, ma sto abbracciando la sfida dell’ignoto. Abbiamo solo cinque gare per lasciare il segno ed un sacco di tempo nel mezzo per lavorare sulla nostra strategia, quindi prima iniziamo, meglio è.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Hyundai ancora interessata al WRC2 Successivo Formula Regional: Trident e Tim Tramnitz al debutto nella serie europea

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.