Supercross 450: Tomac trionfa nel Triple Crown di Glendale

credits: Twitter Star Racing Yamaha

Grande prova dell’alfiere Yamaha, che conquista la vittoria nelle prime due gare ed un terzo posto in Gara 3

Dopo la vittoria di Anaheim #2, la prima nella sua stagione di debutto con la Yamaha, Eli Tomac ha consolidato la leadership di campionato conquistando la Triple Crown di Glendale, quinto appuntamento stagionale del Monster Energy AMA Supercross. Il campione 2020 si è imposto nelle prime due gare della serata, concludendo sul terzo gradino del podio l’ultima manche allo State Farm Stadium, vinta invece da Chase Sexton.

Gara 1

Il primo dei tre Main Event si è aperto proprio con l’Holeshot Tomac, che ha preso subito il largo senza farsi più raggiungere, trionfando tranquillamente sotto la bandiera a scacchi. Dietro al pilota del Colorado la battaglia per il podio si è fatta più viva che mai. La seconda posizione di Ken Roczen è durata ben poco, con Jason Anderson e Malcolm Stewart alle sue spalle che hanno avuto ragione del pilota tedesco. Dopo 2 minuti dall’inizio della gara, Stewart ha passato Anderson per la terza posizione, per poi passare anche Roczen a 3 minuti dal termine, con Stewart che ha fatto lo stesso prendendosi il terzo posto e lasciando il pilota tedesco fuori dal podio.

Gara 2

All’inizio della seconda finale, Roczen ha cambiato schieramento al cancello di partenza ed ha iniziato la gara dal lato sinistro, ma questo calcolo non ha funzionato. Il pilota della Honda si è ritrovato a centro gruppo dopo la prima curva, ed ha dovuto risalire dalla nona posizione. Il tedesco non è andato oltre il 6° posto, dopo aver perso il duello per la quinta posizione contro Dylan Ferrandis verso la fine della gara. Il dominio di Tomac nella prima manche si è rivisto anche nella seconda, con il pilota della Yamaha che ha centrato nuovamente l’holeshot ed ha vinto facilmente davanti a Stewart e Sexton, che sembravano poter mettere i bastoni tra le ruote a Tomac. Anderson si trovava in seconda posizione ed in piena lotta per il podio quando è caduto al sesto giro, facendo atterrare la sua Kawasaki sul blocco di tufo della barriera. A causa di questo incidente, Anderson è sceso in diciottesima posizione, riuscendo a risalire non oltre il 12° posto.

Gara 3

Con le vittorie nelle prime due gare, Tomac aveva già un buon punteggio per la terza finale e non aveva bisogno di un ulteriore trionfo per vincere la Triple Crown. Sexton ha vinto l’holeshot dell’ultima manche, questa volta davanti a Stewart, Tomac e Webb. Roczen si è ritrovato nuovamente a centro gruppo, lottando fino al settimo posto. In testa Sexton ha condotto una gara pulita ed ha vinto la terza finale con un margine di 2 secondi e mezzo su Anderson e Tomac, il cui terzo posto è stato sufficiente per assicurarsi la vittoria dell’evento. Il secondo posto assoluto è andato a Malcolm Stewart, mentre Sexton è salito sul terzo gradino del podio.

Nonostante il terzo posto nell’ultima manche, Tomac si è aggiudicato la vittoria dell’evento, allungando in campionato su Sexton di 11 punti. Il pilota della Honda, come già detto, ha chiuso al terzo posto dietro a Stewart, il quale ha recuperato terreno su Anderson, quarto assoluto ed ancora terzo in campionato con soli 4 punti di svantaggio su Sexton e 3 di vantaggio su Stewart.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente La Ronde della Val Merula parla francese: Mathieu Franceschi vince l'ottava edizione Successivo Supercross 250W: Hunter Lawrence trionfa nella Triple Crown di Glendale

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.