Supercross: Dominio di Roczen ad Indianapolis. Tripletta per Nichols, ancora davanti a Craig

credits: Twitter Racer X

Il tedesco della Honda domina la serata ed allunga in campionato su Webb e Tomac. Un’altra doppietta Yamaha in 250 East, ancora Nichols davanti a Craig

Rispetto alla scorsa gara, questa notte Ken Roczen si è distinto ancora di più nella seconda serata ad Indianapolis, con una gara in solitaria dall’inizio alla fine.

Il pilota della Honda è partito molto bene e si è trovato subito in seconda posizione davanti a Justin Barcia, autore dell’holeshot; la leadership di gara del pilota della GASGAS è durata solamente qualche curva, quando già durante il primo giro Roczen ha conquistato la prima posizione ed ha imposto il proprio ritmo, inarrivabile per chiunque.

Barcia ha chiuso in seconda posizione, dopo una gara abbastanza tranquilla fino a 5 minuti dalla fine, quando è stato raggiunto da Eli Tomac, molto bravo a rimontare dal centro della classifica.
Il pilota della Kawasaki ha dovuto rimontare fino ad arrivare su Barcia, ma come successo nella gara scorsa, anche stavolta non è riuscito a superare il proprio avversario, chiudendo in terza posizione a 3 secondi da Barcia.

Cooper Webb si è dimostrato ancora una volta l’uomo degli ultimi minuti, riuscendo anche lui a recuperare posizioni fino al quarto posto finale. Il pilota della KTM ha chiuso davanti ad Aaron Plessinger, Adam Cianciarulo e Zach Osborne, mentre Joey Savatgy, Dylan Ferrandis e Malcolm Stewart hanno completato la top 10.

Grazie al secondo successo consecutivo, Roczen comanda la classifica di campionato con 13 punti di vantaggio su Webb e 14 su Tomac.
Qui i risultati della gara e la classifica di campionato.

Terza vittoria consecutiva di Colt Nichols davanti al compagno Christian Craig

credits: Twitter Racer X

Ha regnato il caos nella classe minore del Supercross, già prima dell’inizio della gara.
Jett Lawrence ha riportato un infortunio alla spalla destra durante una caduta nella prima Heat, dovendo poi rinunciare al Main Event, nonostante la vittoria nella LCQ.
Il pilota della Honda è stato sostituito da Mitchell Oldenburg, a cui era stata commissionata una squalifica per aver sostituito il telaio alla propria moto. Successivamente è stato riammesso alla gara, pur senza aver disputato le qualifiche e la LCQ.

In più, durante la gara, la bandiera a scacchi è stata esposta con un giro di anticipo, che ha visto vincitore, ancora una volta, Colt Nichols, che nella classe 250 East ha centrato la terza vittoria consecutiva. Come nell’ultima gara di Houston, la Yamaha ha centrato una fantastica doppietta, con anche Christian Craig sul podio in seconda posizione.

Nichols ha sfruttato un inconveniente accaduto a Michael Mosiman, che comandava la gara quando è caduto su Max Miller all’atterraggio di un salto, con quest’ultimo che gli era praticamente caduto davanti. Mosiman non ha potuto evitarlo ed è andato addosso al povero pilota della KTM, perdendo la posizione in favore di Nichols.
Successivamente è stato superato anche da Craig, chiudendo infine al terzo posto.

Al quarto posto un coriaceo Jo Shimoda, che dopo il primo podio in carriera nella scorsa gara, stavolta è partito molto male, venendo coinvolto in un incidente alla prima curva. Il pilota della Kawasaki è stato bravissimo nel rimontare dal fondo classifica fino ad arrivare ai piedi dal podio, davanti a Grant Harlan, Jeremy Hand, Joshua Varize e Joshua Osby. Logan Karnow e Kevin Moranz hanno completato la top 10, mentre il nostro Lorenzo Camporese ha chiuso in quattordicesima posizione.

Con Austin Forkner ed RJ Hampshire ancora fuori dai giochi, sembra che la vittoria del titolo 250 East sia ormai una questione interna al team Star Racing Yamaha, con Nichols a comandare la classifica con 122 punti, davanti al compagno Craig a quota 111.
Bisognerà comunque stare attenti a Mosiman e Shimoda, che seguono a 97 e 96 punti, mentre anche Lawrence (a quota 83 punti) sembra abbastanza in forse per la lotta al titolo.

Qui i risultati della gara e la classifica di campionato.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente F3: Rafael Villagomez con HWA in questo 2021 Successivo MotoGP: I piloti Ducati volano a Jerez per due giorni di test

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.