Suzuka 8 Hours: La Honda torna al successo dopo 8 anni

credits: FIM EWC

La casa dell’ala dorata trionfa nella sua Suzuka con il team ufficiale HRC, dominando la “gara delle gare” davanti alla Kawasaki #10

La Honda torna a vincere la gara più importante dell’anno in una stagione priva di qualsiasi soddisfazione in pista e lo fa trionfando, anzi dominando la 8 Ore di Suzuka. Con delle molto deludenti annate in MotoGP e nei vari campionati Superbike, la casa dell’ala dorata ha potuto contare solamente sui team ufficiali nell’off-road, con Toni Bou nel Trial, Tim Gajser nella MXGP ed Hunter Lawrence nell’AMA, ponendosi come obiettivo quello di salire nuovamente sul gradino del podio nella “gara delle gare”.

Ci è riuscita alla grande grazie alla messa in piedi di una squadra fenomenale con un connubio moto-piloti veramente imbattibile. La Honda è tornata ad essere la Superpotenza della 8 Ore di Suzuka con un netto dominio incontrastato che le vale il 28° successo nella manifestazione giapponese sul circuito di casa, con gli idoli locali Tetsuta Nagashima e Takumi Takahashi, affiancati dalla nuova stella della World Superbike Iker Lecuona. Assoluti dominatori di tutta la settimana pre-gara, con addirittura il giro record in 2:04.942 siglato proprio dal capitano Nagashima nel corso delle qualifiche, ed una pole position in cui lo stesso pilota ha ritoccato nuovamente il record siglando il crono di 2:04.934.

Alla fine il Team HRC ha concluso con un giro di vantaggio la battaglia contro il Kawasaki Racing Team, che per bissare il successo del 2019 portava in pista il 6 volte Campione del Mondo della World Superbike Jonathan Rea affiancato dal compagno di squadra nel Mondiale Alex Lowes e dal sempreverde Leon Haslam, che ha avuto l’onore di iniziare e terminare la gara in sella alla ZX-10RR. Una sconfitta comunque onorevole per il Team Green, nonostante anche una caduta di Rea, alle prese con un doppiato e subito risalito in sella senza gravi conseguenze sulla Ninja.

Una gara ricca di colpi di scena a cominciare già dall’inizio di settimana, con tutto ciò che riguarda Yoshimura SERT ed il forfait di Xavier Simeon (positivo al covid insieme ad altri membri del team) e Sylvain Guintoli (infortunato ad una mano e volato in UK per operarsi), con la compagine semiufficiale Suzuki che si è trovata a correre con i soli Kazuki Watanabe e Gregg Black, i quali sono riusciti a concludere sul terzo gradino del podio dopo una strepitosa partenza di quest’ultimo, che dalla 22ª casella ha rimontato immediatamente e già nel corso del secondo giro era riuscito a trovarsi in testa alla Spoon. Un risultato incredibile e che consolida il primato in campionato ai danni di tutti gli avversari presenti, che non hanno avuto la stessa fortuna.

A cominciare dal team YART (Niccolò Canepa, Marvin Fritz, Karel Hanika), in lotta per il 2° posto per 7 ore e vittima di un incidente con un doppiato a meno di un’ora dal termine della gara, con la compagine Yamaha che deve accontentarsi del 7° posto. Gara difficilissima anche per F.C.C. TSR Honda, con Gino Rea autore di un violentissimo incidente ieri durante le qualifiche ed in condizioni precarie in ospedale. La Honda #5 ha visto solamente in sella Josh Hook e Mike Di Meglio, i quali non sono andati oltre il 10° posto. Ancora peggio è andata al team BMW Motorrad EWC, ritiratosi quasi subito dopo la vittoria di Spa che teneva accese delle speranze iridate, andate in fumo poco prima di metà gara.

A gioire sono i team giapponesi, con S-pulse Dream Racing (Hideyuki Ogata, Cocoro Atsumi e Takuya Tsuda) in 4ª posizione davanti al team TOHO Racing (Ryūichi Kiyonari, Hiromichi Kunikawa e Takuma Kunimine). 6ª posizione per Sakurai Honda (Sodo Hamahara, Daijiro Hiura e Yuki Kunii) davanti a YART ed il Team ATJ (Yuki Takahashi, Kazuki Ito e Tomoyoshi Koyama), con il Team Kodama (Yuuta Kodama, Kenji Nagao e Kengo Nagao) in 9ª davanti ad F.C.C.

credits: FIM EWC
credits: FIM EWC
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente MotoGP: Bagnaia vince a Silverstone ed accorcia in campionato Successivo MXGP: Tripletta Yamaha ad Uddevalla: Renaux trionfa in Gara 1

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.