TCR Italy: Girolami e Buri trionfano nel secondo round a Misano

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
credits: ACI Sport

Il pilota argentino conquista la vittoria in Gara 1 da wild card a bordo della Honda Civic. Ottimo weekend del finlandese, che vince Gara 2 dopo il secondo posto in Gara 1

Sul tracciato di Misano Adriatico è andato in scena il secondo round del TCR Italy, che per l’occasione ha visto la partecipazione da wild card per Franco Girolami e Jack Young, piloti nel TCR Europe rispettivamente con i team PSS Racing e Brutal Fish Racing, che hanno sfruttato la pausa del campionato europeo per mantenersi in allenamento e macinare chilometri con la Honda Civic TypeR, che guidano anche nella serie europea.

I due piloti sono stati i grandi dominatori della prima gara, con Girolami che ha conquistato la vittoria davanti ad un ottimo Antti Buri e Nicola Baldan. Young è stato per larga parte della gara dietro al compagno di squadra, dovendo poi dare forfait per un problema tecnico.

Ad approfittare del ritiro del nordirlandese sono stati proprio i due piloti del team Target Competition, con Buri che ha sfilato al via Baldan, conquistando il secondo gradino sul podio. Dušan Kouřil aveva conquistato la quarta posizione, ma è stato poi penalizzato di 5 secondi, regalando il quarto posto ad un ottimo Kevin Ceccon. Il pilota del team K2 Engine è scivolato in ottava posizione dietro anche ad Eric Brigliadori, Ruben Volt e Salvatore Tavano.

A completare la top 10 sono stati Riccardo Romagnoli e Mattias Vathel, mentre Denis Babuin ha chiuso in 17esima posizione finale, ma primo delle DSG, davanti a Sabatino Di Mare, Omar Fiorucci e Giorgio Fantilli.
Ritiri per Raffaele Gurrieri, Igor Stefanovski, Damiano Reduzzi e Marco Butti.

credits: ACI Sport

Nell’accesissima Gara 2 è stato Buri a trionfare davanti al compagno di squadra Baldan, con Young in terza posizione e Girolami che ha accusato un problema tecnico alla propria vettura, nello stesso esatto punto in cui il compagno di squadra ha avuto dei problemi in Gara 1.

Kouřil, che per via dell’inversione in griglia dei primi otto nelle qualifiche partiva dalla prima casella, ha avuto dei problemi e non è riuscito a schierarsi, dovendo dare forfait per la gara. Ad approfittarne sarebbe potuto essere Reduzzi, che ha clamorosamente sbagliato la posizione in griglia, venendo poi penalizzato con un drive through.

Ne ha approfittato benissimo Buri, che dalla sesta posizione si è subito posizionato a ridosso di Reduzzi, con Tavano in terza posizione davanti a Young, Girolami, Brigliadori e Ceccon. Un contatto tra Ettore Carminati e Federico Paolino, con il primo finito contro le barriere, ha chiamato in causa la Safety Car, che ha poi scatenato un’agguerrita lotta per la vittoria.

Baldan è riuscito a conquistare la seconda posizione davanti a Tavano, che è poi stato penalizzato di 25 secondi, venendo tagliato fuori dalla lotta per la vittoria. Una seconda Safety Car è entrata in pista per l’incidente tra Paolino e Matteo Poloni, che ha finito per coinvolgere anche Jonathan Giacon.

Dopo la ripartenza si è nuovamente scatenata la lotta, che ha visto Buri conquistare la vittoria davanti a Baldan e Young, con Ceccon, Brigliadori e Volt ancora in quarta, quinta e sesta posizione. Settimo posto per Romagnoli, davanti a Stefanovski, Giacon (che nell’incidente non ha subito particolari danni) e Paolino, che ha completato la top 10.

credits: ACI Sport
Precedente F2: Vips concede il bis nella Feature Race di Baku Successivo MotoE: Miquel Pons trionfa a Barcellona. Zaccone quarto, out Granado

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.