Trionfo Biella Corse al Rally Valle D’Aosta

Somaschini-Blanco si aggiudicano il titolo femminile e sono nella “top ten”. Buona la prestazione degli altri equipaggi Biella Corse presenti in gara

Primo posto fra gli equipaggi femminili e decimo posto assoluto, di gruppo e di classe per
Rachele Somaschini e Ornella Blanco Malerba. E’ questo l’ottimo risultato che l’equipaggio Biella Corse ha ottenuto questo fine settimana al Rally Valle d’Aosta, dove ha gareggiato con una Citroen C3 (gruppo RC2N, classe R5). “Siamo partite bene al mattino” racconta Rachele “facendo la giusta scelta di gomme. Al pomeriggio, quando le condizioni meteo sono cambiate, abbiamo provato la soluzione “gomme incrociate” [è l’utilizzo di gomme con mescola diversa sullo stesso asse n.d.r.], cosa che ci ha permesso di fare sulla Pila un buon risultato. Poi però si è rimesso a fare caldo e le altre due prove le abbiamo trovate del tutto asciutte. Per cui, con le gomme che avevamo, abbiamo fatto divertire il pubblico ma i tempi certo non sono stati dei migliori! Ciò nonostante abbiamo concluso nella “top ten”, cosa che era nei nostri obbiettivi di gara.
Certo, avrei voluto fare qualcosa di più ma con così tante variabili … non posso proprio lamentarmi. Era anche la prima volta che pilotavo una vettura con la soluzione gomme incrociate!”. Felicissima è anche Ornella, la navigatrice di Rachele. “Questa gara è stata per me un’emozione unica, dalla partenza all’ultimo controllo orario. Rachele ha guidato benissimo su prove velocissime E’ stata proprio una gran bella avventura!”. Ad Aosta erano in gara altri quattro equipaggi Biella Corse, più quattro navigatori della Scuderia a fianco di altri piloti. Il migliore risultato è stato ottenuto dal valdostano Manuel Dublanc, in gara con l’ossolano Marco Bevilacqua su di una Skoda Fabia (gruppo RC2N, classe R5). Hanno chiuso diciottesimi di gruppo e di classe, piazzandosi al 21° posto della classifica assoluta di gara. “E’ andata bene e ci siamo divertiti” ha commentato il pilota al termine; “anche se, non avendo le gomme giuste, abbiamo capito alla fine, quando le condizioni meteo sono migliorate, come andava guidata questa macchina”. Hanno invece chiuso la gara sesti di classe, ventitreesimi di gruppo e sessantesimi assoluti i biellesi Davide Deandreis ed Enrico Gatto, al via con una Renault Clio RS (gruppo RC4N, classe R3). “Per noi è stata una gara un po’ sottotono” ha dichiarato il pilota al termine. “Direi che non sono né contento né dispiaciuto … piuttosto che mi aspettavo qualcosa di più. D’accordo, era la mia prima volta con quella macchina ma
sinceramente pensavo di riuscire a fare meglio. Diciamo che abbiamo fatto esperienza
anche questa volta!”. Poco dietro di loro, secondi di classe, venticinquesimi di gruppo e sessantatreesimi
assoluti hanno invece terminato Fabrizio Duclair e Dennis Brunod, in gara con una
Renault Clio Williams (gruppo RC4N, classe A7). “Nonostante qualche problemino tecnico, voglio dire che siamo molto contenti di essere tornati a gareggiare in Valle d’Aosta” ha commentato l’equipaggio al termine. “La nostra è stata una gara difficile e complicata ma abbiamo tenuto duro e al termine è arrivata la
soddisfazione del secondo posto di classe. Bello!”. Infine Corrado Noussan e Giada De Marzi, che hanno terminato la gara al terzo posto di classe, 46° di gruppo e 126° posto assoluta. Gara problematica la loro, penalizzata da una “toccata” anteriore che certo non ha fatto del bene alla loro Peugeot 106 S16 (gruppo
RC4N, classe K10). Per quanto riguarda i navigatori, il miglior piazzamento è stato quello di Luca Pieri, che
gareggiava con Filippo Serena su di una Peugeot 208 (gruppo RC4N, classe Rally4). Ha
terminato la gara al 34° posto assoluto, 5° di gruppo e 4° di classe. Stefano Bruno–Franco, invece, al via con Simone Celegato su di una Peugeot 208 (gruppo RC4N, classe Rally4), ha terminato la gara all’82° posto assoluto, 37° di gruppo, 24° di classe. Tiziano Pieri, che era in gara con Ernestino Monti su di una Opel Corsa GSI (gruppo RC4N, classe A6), si è invece piazzato al 100° posto assoluto, 43° di gruppo, 7° di classe. “Siamo stati penalizzati da una scelta sbagliata di gomme” ha commentato il navigatore al termine “visto che sul percorso abbiamo trovato pioggia e grandine a volontà. Poi, quando le condizioni meteo sono migliorate, noi, che avevamo le gomme da asciutto, abbiamo detto la nostra … ma eravamo ormai a fine gara!”. Niente da fare, invece, per Ilvo Rosso, al via con Luca Marzo su di una Peugeot 106 Rallye (gruppo
RC6N, classe N1). Sono stati costretti al ritiro nella sesta prova della gara, per un guasto
meccanico.

Comunicato Stampa

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Gianluca Mara e Giampaolo Moreno Fosci sul podio Mondiale in Sardegna Successivo WSSP300: Superpole record per Vannucci a Misano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.