W Series: Aggiunti altri due round al calendario 2022

credits: Twitter W Series

Saranno dieci gli appuntamenti totali del campionato 2022. In due di questi si utilizzeranno le vetture della Toyota Racing Series

Otto trasferte, ma dieci gare. La W Series ha recentemente annunciato che la tappa di apertura della stagione 2022 a Miami (7-8 maggio), e quella conclusiva a Città del Messico (29-30 ottobre), si disputeranno infatti con doppia manche. Ma la grande novità è l’inedito accordo stretto con la Toyota Racing Series, il campionato neozelandese che adotta gli stessi telai Tatuus T-318: la categoria femminile li utilizzerà per i round di Barcellona (22 maggio) e Suzuka (9 ottobre). In Spagna e Giappone, quindi, i weekend W Series avranno un pacchetto tecnico differente, con i propulsori 2.0 litri a marchio Toyota, attualmente in fase di omologazione FIA, al posto degli abituali 1.750 Alfa Romeo preparati da Autotecnica.

Questo inedito “prestito” è figlio di esigenze logistiche: ora la W Series potrà spedire i materiali via nave anche per i trasferimenti intercontinentali, invece che ricorrere agli aerei cargo. Meno spese, e meno emissioni inquinanti, un’idea su cui le parti hanno lavorato da tempo.

Proprio le restrizioni dettate dal covid, però, hanno costretto la Toyota Racing Series ad organizzare un’edizione 2021 per soli concorrenti locali, e con calendario ridotto, e addirittura a fermarsi per questa stagione. L’obiettivo è tornare a pieno regime nel 2023, ma nel frattempo una flotta di 18 esemplari della FT-60 (la T-318 in versione “neozelandese”) sarà di nuovo in gara grazie all’unione di intenti con la W Series.

Dave Ryan, Direttore Corse: “Abbiamo effettuato due test pre-stagionali produttivi, i piloti sono pronti per iniziare a correre, ed è tutto a tutto pronto per Miami. Dopo il successo dell’ultimo round dello scorso anno ad Austin, non vediamo l’ora di tornare negli Stati Uniti per iniziare la stagione con un double header e sarà davvero speciale prendere parte al weekend inaugurale del Gran Premio di Miami. È fantastico che siamo riusciti a trovare un accordo con Toyota Gazoo Racing New Zeland sull’uso delle loro auto. Vorrei ringraziare Andrew Davis e Nicolas Caillol per il modo entusiasta e proattivo con cui si sono avvicinati a questo progetto, insieme a Bob McMurray che ha fatto l’introduzione iniziale tra TGNZR e noi stessi. Mettere insieme una serie di corse internazionali è un’operazione complessa che richiede molte risorse, poiché la W Series organizza più gare in una sola stagione nel 2022. Questa è una buona soluzione per la serie femminile in quanto impedisce l’uso del trasporto aereo di merci e ci consente organizzare le nostre gare di supporto in otto weekend di Gran Premi di Formula 1 nel modo più sostenibile.

credits: Twitter W Series
/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente F1: Sebastian Vettel tornerà in pista in Australia Successivo WSBK: Phillip Island chiuderà la stagione 2022

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.