WSBK: Orari TV del GP d’Olanda

Riparte la caccia al titolo fra Bautista e Rea, con l’incognita Razgatlıoğlu. Palinsesto misto su Sky, differite su TV8

Per la 30ª volta il Mondiale delle derivate di serie disputerà le proprie gare al TT Circuit di Assen, dove in questo weekend andrà in scena il Gran Premio d’Olanda, sede del secondo appuntamento stagionale. È dal 1992 che le derivate dalla serie corrono nella “Cattedrale della velocità”, un appuntamento mancato solo nel 2020, a causa della pandemia derivante dal covid.

Le prove e le gare del secondo round della World Superbike hanno tre attesi protagonisti, gli unici tre che sono saliti sul podio nel precedente appuntamento del MotorLand Aragón: Álvaro Bautista, Jonathan Rea e Toprak Razgatlıoğlu. Solo i primi due hanno tagliato per primi il traguardo, mentre il turco si è dovuto accontentare di tre terzi posti che gli stanno decisamente stretti, ma ai quali è stato costretto dalla scarsa competitività della sua R1 sul tracciato d’Aragona.

Il campione del mondo 2021 è ansioso di correre ad Assen per prendersi la rivincita su una pista dove però non ha mai vinto. I suoi migliori piazzamenti sono i due terzi posti ottenuto lo scorso anno, ma è chiaro che quest’anno Toprak dovrà giocare all’attacco per non perdere ulteriore terreno nei confronti dei suoi antagonisti.

Bautista ha letteralmente dominato le ultime due gare di Aragón vincendo per distacco e sulla pista olandese vanta due vittorie, quelle ottenute nel 2019, sempre con la Panigale V4 R. Chi può vantare un incredibile serie di vittorie ad Assen è il sei volte campione del mondo Rea, che ha vinto 10 volte con la Kawasaki e 5 con la Honda.

Dal 2010 ad oggi Jonny è salito 20 volte sul podio del TT Circuit, ha conquistato quattro doppiette (2017, 2016, 2015 e 2010) ed una tripletta nella passata stagione. Su quella che è probabilmente la sua pista preferita, il nordirlandese cercherà di prendersi la vetta della classifica, ma non avrà certamente vita facile, anche perché saranno molti gli outsider che faranno di tutto per inserirsi nella lotta per il podio. Tra i candidati più probabili ci sono sicuramente Michael Rinaldi, secondo lo scorso anno nella Superpole race, ed Andrea Locatelli, terzo in Gara 2 nel 2021.

In Spagna il pilota della Ducati è riuscito ad inserirsi nella lotta per le prime tre posizioni, mentre il bergamasco non ha brillato, anche a causa di una pista non certo favorevole alla Yamaha, come ha dimostrato anche Garrett Gerloff, che ad Aragón è stato brillante nelle prove ma opaco in gara. In Olanda potremo capire se l’americano è davvero tornato quello del 2020 o se è invece destinato a restare nella seconda parte della classifica.

Tra i protagonisti ci potrebbe essere anche l’idolo locale Michael van der Mark, che sulla pista di casa può vantare sette podi ma nessuna vittoria. Reduce dal grave infortunio alla gamba destra mentre si allenava in mountain bike, l’olandese della BMW si è ripreso e proverà a ottenere il benestare dei medici. Anche se potrà gareggiare sarà difficile vederlo nelle posizioni che contano, a causa della lunga sosta alla quale è stato obbligato, ma anche perché al MotorLand la M1000RR non si è di certo dimostrata competitiva.


Occhi puntati anche sulla World Supersport, dove il nuovo regolamento fa discutere, ma non ha tolto interesse e spettacolo alle gare che in Spagna hanno visto due ex piloti Moto2 scambiarsi le prime due posizioni. Lorenzo Baldassarri ha vinto la prima ed il campione del mondo 2022 Dominique Aegerter la seconda. Sul terzo gradino del podio sabato è salito il giovane turco Can Öncü, mentre domenica è stata la volta dell’altro ex Moto2 Nicolò Bulega con la Ducati.


Spazio anche per la World Supersport 300, dove ad Aragón Marc García ed Álvaro Díaz si sono spartiti le vittorie delle due gare, con Lennox Lehmann terzo in entrambe le occasioni. Il Gran Premio d’Aragona ha parlato prettamente spagnolo, ma non sono mancate le zampate dei nostri portacolori, con Bruno Ieraci capace di conquistare il 4° posto in Gara 2 e Mirko Gennai che ha conquistato un 8° ed un 6° posto nelle due gare, mentre Marco Gaggi ha centrato due top 10.


Complice la moltitudine di gare che si svolgeranno nel weekend, la programmazione del Gran Premio d’Olanda subirà alcune modifiche dei soliti palinsesti che Sky e TV8 trasmettono di solito. Per quanto riguarda la piattaforma satellitare, sarà sempre il canale Sky Sport Action (206) a trasmettere in diretta l’evento, con l’esclusione delle gare della domenica della World Supersport e della World Supersport 300, che verranno trasmesse in differita. TV8, invece, trasmetterà solamente le gare della World Superbike, anch’esse tutte in differita.

Dirette Sky Sport Action (206)

Venerdì
Ore 10:25/11:30 – FP1 WSBK
Ore 14:55/16:00 – FP2 WSBK

Sabato
Ore 09:40/10:20 – Superpole WSSP300
Ore 10:20/11:05 – Superpole WSSP
Ore 11:05/11:30 – Superpole WSBK
Ore 12:35/13:30 – Gara 1 WSSP300
Ore 14:00/14:40 – Gara 1 WSBK
Ore 15:10/16:00 – Gara 1 WSSP

Domenica
Ore 11:00/11:20 – Superpole Race WSBK
Ore 15:15/16:00 – Gara 2 WSBK
Ore 19:30/20:15 – Gara 2 WSSP (DIFFERITA)
Ore 20:15/21:00 – Gara 2 WSSP300 (DIFFERITA)

Differite TV8

Sabato
Ore 18:00/18:30 – Gara 1 WSBK

Domenica
Ore 18:00/18:30 – Superpole Race WSBK
Ore 19:00/19:30 – Gara 2 WSBK

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente F1: Orari TV del GP dell'Emilia-Romagna Successivo F1: Carlos Sainz rinnova con la Ferrari fino al 2024

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.