WSBK: Toprak Razgatlıoğlu vince Gara 1 a Portimão e ipoteca il titolo con la caduta di Rea

Il turco mette alle corde Rea che cade mentre tentava di scappare via: è un mondiale sempre più Yamaha

Una gara piena di colpi di scena, di sorpassi e controsorpassi è appena andata in scena a Portimão nel Gran Premio del Portogallo della World Superbike. I primi giri hanno regalato una battaglia continua tra i primi tre del campionato, ovvero Toprak Razgatlıoğlu, Jonathan Rea e Scott Redding, con anche alcuni contatti e sorpassi duri, ma senza mai sfociare nell’antisportività.

È proprio la caduta di Rea lo spartiacque della gara e, forse, anche dell’intero campionato. L’alfiere della Kawasaki è caduto a 16 giri dalla fine mentre si trovava in testa, finendo inoltre al Centro Medico per dei controlli vista l’alta velocità della scivolata, riportando contusioni multiple ed un’abrasione al gomito sinistro. Pertanto verrà rivalutato domani prima del Warm Up. Di questo ne ha potuto approfittare Razgatlıoğlu, capace di distaccare sul finale Redding e vincere, ottenendo altri 25 punti decisivi per il campionato.

Una gara senza fiato per la quantità di sorpassi iniziali, ma non è stata solo la lotta per la vittoria a regalare emozioni. Un folto gruppetto ha infatti lottato per molti giri per il 3° posto, il quale sembrava destinato all’ultimo giro ad Álvaro Bautista, rimasto solo con Loris Baz. Lo spagnolo è però caduto all’ultima curva dell’ultima tornata, regalando così il podio al francese, migliore degli indipendenti e tornato nella top 3 dopo appena un fine settimana nella WorldSBK.

Staccato di circa 2 secondi troviamo comunque Michael Rinaldi, migliore degli italiani e bravo nel battere Leon Haslam e Garrett Gerloff, tutti e tre racchiusi nell’arco di 6 decimi. Continua a mostrarsi competitivo Axel Bassani, 7° davanti ad un sorprendente Leandro Mercado. L’argentino è arrivato 8°, miglior piazzamento nella storia del team MIE Racing Honda, seguito da Eugene Laverty e Christophe Ponsson.

A quasi 40 secondi di distacco dalla vetta troviamo Isaac Viñales, seguito da Samuele Cavalieri, il rientrante Tito Rabat, Kōta Nozane e Jonas Folger a chiudere la zona punti. La gara è stata anche protagonista di un evento decisamente vergognoso. Andrea Locatelli ha per sbaglio colpito leggermente Michael van der Mark in fase di frenata verso metà gara, causando la caduta di entrambi. Il pilota olandese lo ha successivamente deliberatamente spinto con forza mentre andavano a recuperare le due moto a terra. Segnaliamo inoltre anche i ritiri di Gabriele Ruiu e Lachlan Epis.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente Moto3: Tech3 conferma Öncü e gli affianca Holgado Successivo British Talent Cup: O'Gorman trionfa a Donington in Gara 1 e si porta in testa al campionato

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.