WSSP, Jules Cluzel: “Sono pronto a lottare”

Credits: Jules Cluzel Facebook

Jules Cluzel ha rilasciato un’intervista al sito ufficiale della World Superbike. Ecco cosa ha dichiarato a proposito dell’imminente stagione della World Supersport.

“Per la seconda volta in carriera faccio parte di un team per così tanto tempo. Sono davvero felice di essere tornato, adesso è come se fosse la mia seconda famiglia. Ci conosciamo tutti molto bene a vicenda ed è sempre bello lavorare a fianco di persone che ti capiscono davvero. Non vedo davvero l’ora di iniziare a lavorare in vista di questo 2021. Penso che il 2020 sia stato un anno positivo in termini di passo. Anche nel 2018 ho vissuto un’ottima stagione con la Yamaha R6 e se non ho vinto il titolo è stato solo per sfortuna. Di sicuro se paragoniamo il 2019 al 2020 sono andato meglio, sono stato più costante e non ho commesso errori. L’unica volta in cui non sono arrivato tra i primi tre è stato quando ho spinto ancora più forte per battere Locatelli in Portogallo.
Ho spinto per avere quest’anno un pilota come Federico Caricasulo all’interno del team. È davvero bello avere qualcuno al tuo fianco che può aiutare a spingere la squadra e a far crescere le mie prestazioni personali. Per essere ancora più veloci le chiavi saranno l’esperienza e la costanza con i motori. È molto importante avere Federico nel team e poter acquisire dei dati davvero rilevanti.
Vincere è sempre difficile e di sicuro il 2021 lo sarà altrettanto. Ci sono tanti ottimi piloti sullo schieramento. Non voglio concentrarmi troppo su degli obiettivi specifici perché molto può cambiare ma io darò tutto quello che ho e mi concentrerò sulla stagione nel suo complesso.
Sto lavorando tanto per essere in forma, per me l’aspetto positivo è che manca ancora tanto prima della prima gara. Quest’inverno ho anche avuto tempo per rilassarmi e per recuperare le forze. Penso che l’errore che ho commesso nel 2020 sia stato quello di allenarmi troppo intensamente durante i lockdown e quando siamo arrivati a luglio-agosto ero mentalmente e fisicamente abbastanza stanco. Ora l’allenamento si sta facendo gradualmente più intenso ma sono consapevole che abbiamo davanti una stagione lunga e che sarà necessario conservare le energie il più possibile.”

Pierluigi Magro

Precedente F1, Kimi Raikkonen: "Dopo la Formula 1 potrei provare altro" Successivo Fausto Gresini in leggero miglioramento, ma ancora in prognosi riservata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.