WSSP300: Sofuoğlu domina Gara 2 ad Jerez. Out Huertas, Buis accorcia in campionato

credits: World Superbike

La seconda manche della Supersport 300 vede la fuga del turco sin da subito, sul podio Iglesias ed Okaya. Buis, quarto, mantiene qualche speranza iridata

Al Circuito de Jerez – Ángel Nieto, luogo del penultimo round della World Supersport 300 è andata in scena una Gara 2 che potrebbe essere molto importante in ottica iridata. La vittoria va a Bahattin Sofuoğlu, mentre il leader della classifica Adrián Huertas vede ridursi il suo vantaggio a causa di una caduta.

Huertas è scattato benissimo al via, prendendosi subito il comando, con l’obiettivo di chiudere i giochi già in questa Gara 2. Lo spagnolo, però, è finito largo in curva 6, scivolando in quattordicesima piazza. Lo spagnolo ha subito iniziato a recuperare posizioni, ma un paio di giri è nuovamente andato largo alla curva 6, ritrovandosi addirittura 19°. Ancora qualche passaggio più tardi ha tamponato Samuel Di Sora sempre nella stessa curva, con i due piloti costretti al ritiro.

Sofuoğlu è andato in testa e verso metà gara, allungando su tutti gli altri per andare a prendersi la seconda vittoria della stagione. Il turco della Yamaha ha chiuso davanti ad Iñigo Iglesias, che ha tagliato il traguardo in quarta posizione approfittando, però, delle retrocessioni di Yuta OkayaJeffrey Buis, sanzionati per aver superato i limiti della pista all’ultimo giro. Okaya è arrivato terzo davanti al compagno di box Buis. Con il quarto posto dell’olandese e lo zero di Huertas, la lotta per il titolo resta aperta e si deciderà tra una settimana a Portimão. Tra i due ora ci sono 36 punti a favore di Huertas, con ancora 50 punti da assegnare.

Marc García ha chiuso quinto davanti a Mirko Gennai, anch’esso retrocesso di una posizione per aver oltrepassato i limiti della pista all’ultimo giro. Ottimo settimo posto per il brasiliano Meikon Kawakami, che precede Ruben Bijman, l’uruguaiano Facundo Llambías e Yeray Ruiz, decimo dopo essere stato retrocesso di una posizione per lo stesso motivo degli altri.

11° posto per il ceco Oliver König davanti a Koen MeuffelsKevin SabatucciBruno Ieraci e Victor Rodriguez Nuñez che chiude la zona punti. Sedicesima piazza per il sudafricano Dorren Loureiro, che precede Alessandro ZancaAna CarrascoVictor Steeman (partito dalla pitlane per aver superato il numero di motori utilizzabili) e Johan Gimbert.

Alfonso Coppola è caduto alla curva 9 nel corso del primo giro, mentre Petr Svoboda è stato vittima di un problema tecnico al terzo giro alla curva 8. Ton Kawakami è finito a terra all’ultimo giro. Ritiro anche per Sylvain Markarian. Álvaro Díaz Cebrián è stato squalificato per una condotta di gara ritenuta irresponsabile.

Yeray SaizAntonio FrappolaJosé Luis Pérez GonzálezFilippo Maria Palazzi non hanno preso il via dopo la morte di Dean Berta ViñalesHarry Khouri è stato dichiarato non idoneo a causa di una rigidità muscolare patita stamattina, ed anche Gabriele Mastroluca è stato dichiarato non idoneo a causa di uno strappo cervicale. Daniel Mogeda non ha gareggiato per via di una frattura all’alluce del piede destro.

/ 5
Grazie per aver votato!
Precedente F1: Hamilton trionfa nel caos di Soči e fa 100 vittorie in carriera Successivo MXoN: L'Italia trionfa al Motocross delle Nazioni

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.